5000 ore di DHT Test per garantire trent’anni di energia solare in climi umidi

Fotovoltaico sulla villa di un privato a Pellestrina, l’isola dei merletti nella Laguna di Venezia

52

14 novembre 2017 – Quanto deve durare un impianto fotovoltaico per soddisfare le esigenze dell’utente privato? Questa è una delle domande che si è posto Marco Ballarin, proprietario di una villetta a Pellestrina, l’isola della Laguna di Venezia nota per i merletti, quando ha deciso di installare un impianto fotovoltaico sul tetto della sua abitazione.

A Pellestrina, con una superfice di circa due chilometri quadrati, umidità e salsedine non perdonano e minano la durata degli impianti fotovoltaici: la possibile  corrosione intacca tutti i materiali del modulo ed in particolare  l’umidità persistente sul lato posteriore dei pannelli compromettono le prestazioni e, in alcuni casi dopo pochi anni, la produzione di energia diminuisce sensibilmente. Il miglior modo di vincere l’umidità è l’utilizzo di moduli vetro-vetro, che prevengono la penetrazione di umidità  all’interno delle celle, quindi fenomeni di ossidazione e invecchiamento.

“La tecnologia del doppio vetro è ormai consolidata, e nota per la particolare resistenza agli agenti atmosferici. E’ importante notare che i moduli SOLARWATT hanno superato 5.000 ore di DHT (Damp Heat Test – Test al caldo umido), la prova che verifica in camera climatica l’invecchiamento delle celle sottoposte a temperatura di 85 gradi e  tasso di umidità dell’ 85%. E’ un dato molto significativo: si tratta infatti di cinque volte il tempo necessario per ottenere la certificazione IEC 61215 e indica chiaramente come il modulo si comporterà nel corso della sua vita”, afferma Marco Boschello, Technical Sales Engineer di Solarwatt Italia, “A questo si aggiunge il processo di anodizzazione profonda che subiscono le cornici dei moduli per evitare che la corrosione intacchi i materiali  che nel lungo periodo potrebbero creare problemi. Le cornici nere hanno una profondità di anodizzazione di 20 µm e hanno superato il test alla nebbia salina al livello 5, il più impegnativo”.

“Si tratta di un impianto da 6kWp, realizzato con 20 Moduli Vision 60M Style, la cui leggerezza  agevola notevolmente le procedure di installazione”, afferma Luca Munari, titolare dell’impresa che lo ha progettato.

“La durata dell’impianto è uno dei principali parametri di scelta per l’utente privato, per il quale è necessario garantire autonomia energetica e riduzione della bolletta per un tempo più lungo possibile. I 30 anni di garanzia dei nostri moduli Vision (vetro-vetro) prevedono la sostituzione dei moduli per qualsiasi difetto di prodotto entro il trentesimo anno dopo l’installazione (20 anni in più rispetto allo standard),  includendo anche la copertura dei costi di trasporto e costi di installazione, che talvolta sono preponderanti”, afferma Giorgio Soloni, Managing Director di Solarwatt Italia.

Print Friendly, PDF & Email