In Europa risparmi da 100 miliardi di euro con l’efficienza

8

09 dicembre 2014 – Adeguate riforme nel settore dell’efficienza energetica consentirebbero, secondo gli esperti di Avvenia, leader nazionale nel settore della White Economy e dell’efficienza energetica, di ridurre i costi dell’energia in Europa di circa 100 miliardi di euro all’anno.

Avvenia mette in evidenzia che la spesa per l’elettricità in Europa è cresciuta di circa il 20% nell’ultimo quinquennio, con un aumento dei costi legato soprattutto agli incentivi alle fonti rinnovabili a fronte di consumi complessivi che sono rimasti sostanzialmente stabili. «E senza uno sforzo collettivo finalizzato ad una gestione più efficiente dell’energia e ad un maggior risparmio energetico, il costo dell’energia potrebbe continuare ad aumentare fino al 50% nei prossimi 10 anni» sostengono gli esperti di Avvenia.

«Per fare risparmiare i cittadini e aumentare la competitività della nostra industria urge una ristrutturazione del sistema energetico europeo» aggiunge l’ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia, secondo il quale l’ottimizzazione dell’efficienza energetica a livello europeo potrebbe far risparmiare a ogni cittadino oltre 120 euro annui.

La mancanza di un mercato unico europeo per l’energia e i costi ancora molto elevati di alcune nuove tecnologie energetiche hanno portato ad adottate scarse misure di efficienza energetica in Europa. Ma, secondo Avvenia, se si adottassero le giuste misure, dalla gestione più dinamica dell’efficienza energetica a una gestione più intelligente delle reti e a una maggiore integrazione dei mercati, il valore del risparmio energetico in Europa sarebbe notevole.

Per contribuire in questo senso, Avvenia si dichiara disponibile a farsi carico di tutti gli oneri di efficientamento energetico della Pubblica Amministrazione, anche presso impianti con importanti consumi di energia, come ad esempio un impianto di pubblica illuminazione. In questo modo, in base a un contratto di servizio specifico, Avvenia sarebbe in grado di garantire un risparmio energetico a seguito degli interventi effettuati a proprie spese sull’impianto pubblico.

«Ma Avvenia vuole estendere anche all’ambito privato la possibilità di aderire al suo modello di Energy Savings Performance Contracts (ESPC), senza alcun investimento iniziale da parte dei clienti e con la garanzia di ottenere un risparmio energetico in grado di coprire i costi del progetto» aggiunge l’ingegner Giovanni Campaniello.

Ciascun ESPC proposto da Avvenia viene studiato appositamente per ogni singolo committente, avvalendosi delle più innovative tecniche introdotte nell’ambito della Modellazione Dinamica Avvenia e fornendo un progetto personalizzato in base alle specifiche necessità dei committenti, siano essi enti pubblici o aziende.

Print Friendly, PDF & Email