Al via la nuova campagna di Liquigas contro il riempimento abusivo delle bombole di GPL

9
Print Friendly, PDF & Email

Milano, 10 maggio 2017 – Liquigas, leader in Italia nella distribuzione di GPL e GNL per uso domestico, commerciale e industriale, promuove in tutta Italia la cultura della legalità nell’utilizzo delle bombole di GPL con una nuova campagna di comunicazione dedicata a sensibilizzare i cittadini circa i rischi del riempimento abusivo.

La campagna 2017 ha l’obiettivo di rafforzare la conoscenza dei cittadini in merito ai rischi legati al riempimento abusivo delle bombole, un fenomeno molto diffuso che, oltre ad essere illegale, è molto pericoloso. Secondo CIG (Comitato Italiano Gas) nel 2015 la causa prevalente degli incidenti a bombole di GPL (57 in totale, più di uno alla settimana che hanno causato 11 decessi) è stata proprio l’uso scorretto delle bombole di GPL, in particolare il riempimento abusivo.

La sicurezza dell’utente è da sempre una priorità per Liquigas: oltre a garantire la massima sicurezza degli apparecchi attraverso un rigoroso processo di verifica, che nel 2016 ha visto collaudare circa 620.000 bombole e sostituire un analogo numero di valvole, Liquigas si impegna inoltre a realizzare iniziative di informazione e sensibilizzazione sulle buone pratiche di gestione del GPL attraverso i propri canali di comunicazione a livello nazionale e attraverso i propri rivenditori sul territorio.

“Diffondere una maggiore consapevolezza nei consumatori sui rischi del riempimento abusivo delle bombole è un tema fondamentale, in quanto consente di contribuire a ridurre il numero di incidenti e rappresenta la migliore arma per scoraggiare tali pratiche pericolose. Riteniamo che una maggiore sicurezza del settore passi dalla responsabilità di tutti e ci auguriamo che gli attori del mercato si impegnino con noi per favorire il rispetto delle norme di legge”  ha dichiarato Andrea Arzà, Amministratore Delegato di Liquigas.

La campagna prevede affissioni nel corso dei mesi di maggio e giugno in oltre 100 Comuni italiani, per un totale di quasi 1000 spazi. Parallelamente Liquigas ha predisposto materiale informativo da distribuire presso i rivenditori autorizzati di bombole di GPL, per raggiungere i consumatori in maniera capillare. La creatività della campagna è stata ideata e realizzata dall’agenzia Realtà Group di Milano.

FOCUS: il processo di riempimento legale delle bombole di GPL

Una bombola di GPL correttamente trattata negli stabilimenti di imbottigliamento viene sottoposta a controlli prima, durante e dopo il riempimento. Tali controlli prevedono prima di tutto la verifica dello stato di conservazione della bombola per capire se è idonea o se necessario procedere a una ulteriore revisione. Se la bombola viene considerata idonea, si procede al riempimento controllando due volte il peso della stessa – e quindi il livello di riempimento, in quanto una bombola eccessivamente piena di GPL è a rischio di sovrapressione e conseguente esplosione– e la tenuta attraverso macchinari di rilevazione perdite. Al termine del circuito di riempimento e di verifica la bombola viene sigillata ed etichettata con le indicazioni previste dalla normativa.