Intesa Sanpaolo ottiene un importante riconoscimento dal Carbon Disclosure Project per il suo impegno nella riduzione delle emissioni inquinanti

20

co2Milano, 6 dicembre 2013 – Per il secondo anno consecutivo Intesa Sanpaolo entra nel CDP’s Italy 100 Climate Disclosure Leadership Index (CDLI), l’indicatore che seleziona, all’interno degli indici FTSE MIB e FTSE Italia Small and Mid Cap, le imprese che hanno mostrato un efficace approccio strategico sul fronte della riduzione delle emissioni e un forte impegno per la completezza e la trasparenza delle informazioni fornite.

L’importante riconoscimento arriva dal Carbon Disclosure Project (CDP), che rappresenta 722 investitori istituzionali con 87.000 miliardi di dollari in attività gestite e che ha voluto ancora una volta premiare l’impegno dimostrato da Intesa Sanpaolo nel ridurre le emissioni climalteranti e l’accuratezza della rendicontazione dei dati relativi alla propria impronta ecologica.

La riconferma di Intesa Sanpaolo nell’indice è legata alla costante attenzione della Banca alle opportunità derivanti dal Climate Change e alla massima trasparenza nella rendicontazione del suo operato. Paul Simpson, Ceo di CDP, ha commentato: “Le aziende inserite nel Climate Disclosure Leadership Index hanno dimostrato un forte impegno per rispondere alla richiesta di una maggiore responsabilità delle imprese verso il cambiamento climatico. Sono state particolarmente attive nell’implementare processi di qualità per misurare le emissioni di gas serra e l’utilizzo di energia e nel comunicare in modo trasparente la loro strategia rispetto al climate change”.

“Con questo importante riconoscimento – ha dichiarato Carlo Messina, Ceo di Intesa Sanpaolo – il nostro Gruppo conferma ancora una volta la propria attenzione alle problematiche ambientali e alla necessità di unire, insieme alle necessarie istanze di crescita e solidità economica, una costante e ferma azione rivolta alla riduzione delle emissioni e alla trasparenza del proprio impegno in termini di sostenibilità ambientale”.

Print Friendly, PDF & Email