transizione energetica

Eni e università degli studi di Milano-Bicocca hanno firmato il 15 febbraio un accordo di ricerca congiunta della durata di cinque anni per l’avvio di una collaborazione strategica su progetti innovativi legati alla transizione energetica. La partnership è stata sottoscritta dall’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e dalla rettrice Giovanna Iannantuoni, alla presenza della presidente di Eni, Lucia Calvosa.

L’accordo definisce ben sei ambiti di ricerca: fusione magnetica, batterie, geotermia e idrogeologia, applicazioni ambientali, caratterizzazione e modellazione geo-bio-idro-chimica, sanificazione e igienizzazione degli ambienti con tecnologie al plasma.

Transizione energetica: università polo di innovazione

La partnership rientra a pieno titolo tra gli obiettivi del piano strategico dell’ateneo milanese lungo il percorso delle attività di trasferimento tecnologico e quelle relative alla terza missione: “Questo accordo di ricerca congiunta si inserisce in un processo di profondo cambiamento nel rapporto tra mondo accademico e mondo delle imprese. Una strategia fondamentale per dare avvio a progetti di ricerca che possano contribuire all’innovazione e al progresso della società”, ha dichiarato nella nota stampa la rettrice dell’università degli studi di Milano Bicocca, Giovanna Iannantuoni.

Leggi anche Pnrr: un’occasione imperdibile per vincere la sfida delle rinnovabili e accelerare la transizione energetica

Network con le eccellenze accademiche

La varietà tecnologica rappresenta la strada maestra per affrontare la transizione energetica nei molteplici ambiti in cui occorre intervenire per abbattere le emissioni. È questo il punto di vista dell’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi: “La collaborazione rappresenta un nuovo e importante passo verso l’ulteriore rafforzamento della propria leadership tecnologica nella transizione energetica e si inserisce nella volontà dell’azienda di accrescere il proprio network con le migliori eccellenze accademiche”, si legge nella nota stampa.

Leggi anche Transizione energetica, alle Utility il compito di renderla operativa

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.