Usa

Il dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (Doe) ha pubblicato il 28 giugno lo US Energy and Employment Report (Useer), uno studio completo progettato per tracciare e comprendere le tendenze occupazionali nel settore energetico. Nonostante l’incertezza economica, dovuta alla lenta ripresa dagli impatti della pandemia, l’analisi mostra che il settore energetico ha registrato una crescita positiva dell’occupazione, aumentando del 4% dal 2020 al 2021 e superando addirittura l’occupazione complessiva negli Usa (+2,8%).

Complessivamente, il numero totale di posti di lavoro nel settore energetico è aumentato da 7,5 milioni nel 2020 a oltre 7,8 milioni nel 2021.

Settore energetico: notevole crescita occupazionale

Il rapporto Useer di DOE mostra che i posti di lavoro nel settore della transizione energetica sono in aumento e sono pronti per una continua espansione.

L’occupazione è in notevole crescita, nei seguenti comparti:

  • veicoli elettrici: +26,2%, +21.961 nuovi posti di lavoro;
  • veicoli elettrici ibridi: +19,7%, +23.577;
  • energia solare: +5,4%, +17.212;
  • energia eolica: +2,9%, +3.347;
  • efficienza energetica: +2,7%, +57.741

Lo Useer dimostra che il raggiungimento di un’equa transizione verso un’economia a zero emissioni nette in tutta l’economia entro il 2050, con una forza lavoro diversificata, richiederà ulteriori investimenti pubblici e privati ​​nel settore dell’energia pulita. Oltre alla creazione di posti di lavoro stabili, sicuri, ben retribuiti e investendo in programmi di istruzione e formazione.

Leggi anche Transizione ecologica: il G7 stabilisce di decarbonizzare la maggior parte dei settori energetici entro il 2035

Usa: in calo occupazione nel nucleare

Nonostante la crescita dell’occupazione, i posti di lavoro nel settore energetico degli Usa non sono ancora tornati ai livelli pre-pandemia del 2019. Mentre quasi tutti i posti di lavoro nelle aree allineate allo zero netto hanno registrato una crescita positiva nel 2021: solo pochi settori, tra cui eolico, veicoli elettrici e ibridi-elettrici avevano più posti di lavoro nel 2021 rispetto a prima della pandemia. Inoltre, sono diminuiti i posti di lavoro nel settore dell’elettricità nucleare, del carbone e del petrolio.

Da questo punto di vista, la legge bipartisan sulle infrastrutture del presidente Biden prevede investimenti significativi, inclusi 62 miliardi di dollari (circa 59 miliardi di euro) per il Doe per espandere l’accesso all’efficienza energetica, fornire energia affidabile, pulita e conveniente agli americani e costruire le tecnologie di domani. La legge sostiene anche le comunità energetiche.

Leggi anche Riqualificazione e Comunità Energetica, al via la formazione della Summer School Enea

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.