I vantaggi del pompaggio idroelettrico per lo stoccaggio dell’energia solare

Gli Stati Uniti stanno puntando sul pompaggio idroelettrico per arginare il problema dell’intermittenza delle fonti energetiche rinnovabili.

536
  • La California vuole sfruttare il bacino idrico di San Vincente per lo stoccaggio di energia solare.
  • L’energia accumulata durante il giorno consentirebbe di alimentare delle turbine idroelettriche di notte.
pompaggio
Il bacino di San Vincente © Phil Konstantin/Flickr

Nella contea di San Diego, in California, è in corso la valutazione di un progetto volto a sfruttare il bacino idrico di San Vincente per lo stoccaggio di energia solare. Potrebbe volerci una decina d’anni, ma se tutto andrà liscio, grandi tubi sotterranei collegheranno il primo bacino a un altro più piccolo, a una maggiore altitudine. Durante il giorno, l’energia solare pomperà l’acqua dal basso verso l’alto. Al tramonto, gli operatori apriranno una valvola e la forza di otto milioni di tonnellate di acqua – che ricadranno a valle attraverso gli stessi tubi – azionerà delle turbine in grado di generare 500 megawatt di elettricità per un massimo di otto ore. Una quantità di energia sufficiente per alimentare circa 130mila case.

Si tratterebbe di una sorta di “batteria ad acqua” che potrebbe aiutare a risolvere il problema dell’intermittenza legato allo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili. È una tecnologia conosciuta col nome di pompaggio idroelettrico ed è già utilizzata in quaranta siti sparsi sul territorio statunitense. Alcuni impianti, costruiti per immagazzinare l’energia nucleare, risalgono addirittura agli anni Settanta e Ottanta. L’Inflation Reduction Act, firmato dal presidente Biden ad agosto e definito come “la più importante legislazione per il clima nella storia del Paese”, potrà contribuire ad accelerare lo sviluppo di nuovi progetti.

Leggi anche: Gli Stati Uniti annunciano mezzo milione di nuove stazioni di ricarica per i veicoli elettrici

La mitigazione dell’impatto ambientale

Sono al vaglio anche altre strategie per affrontare il fenomeno dell’intermittenza delle rinnovabili, dallo sfruttamento delle batterie delle auto elettriche private all’utilizzo dell’energia in eccesso per produrre idrogeno. Il pompaggio idroelettrico presenta indubbiamente dei vantaggi. Prima di tutto, consente lo stoccaggio di grandi quantità di energia: l’impianto di San Vincente immagazzinerebbe all’incirca la stessa elettricità delle batterie di 50mila vetture Tesla model 3 long range.

Secondo Malcolm Woolf, presidente della National Hydropower Association, le innovazioni tecnologiche consentono di progettare impianti molto più modesti rispetto al passato, riducendone l’impatto ambientale. Kelly Catlett, dell’organizzazione American Rivers, ha però spiegato alla NPR che ogni progetto dev’essere valutato singolarmente: lo sfruttamento di bacini esistenti è senz’altro da preferire rispetto alla costruzione di nuove dighe che andrebbero ad alterare il corso dei fiumi e la salute degli ecosistemi.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.