batteria
Foto di 200 Degrees da Pixabay

Dal prossimo 3 settembre le imprese selezionate per partecipare agli Importanti progetti di comune interesse europeo (Ipcei) sulle batterie potranno chiedere le agevolazioni per gli investimenti, le attività di ricerca, lo sviluppo e l’innovazione in Italia.

Ammontano a 1,7 miliardi di euro le risorse stanziate nel Fondo Ipcei gestito dal ministero dello Sviluppo economico, secondo quanto stabilito dai decreti ministeriali firmati dal capo di dicastero Giancarlo Giorgetti.

Ipcei batterie: i fondi

Le risorse sono così suddivise: 1 miliardo di euro tra due Ipcei attivati a sostegno delle imprese italiane nel settore delle batterie; 700 milioni nell’Ipcei sulla microelettronica. Nel dettaglio:

  • Ipcei batterie 1 con 473,35 milioni di euro a sostegno di progetti e attività per l’introduzione di “tecnologie altamente innovative e sostenibili lungo l’intera catena del valore delle batterie agli ioni di litio, con l’obiettivo di migliorare le caratteristiche di durata, i tempi di caricamento, la sicurezza e la compatibilità ambientale dei nuovi prodotti in linea con i principi dell’economia circolare”, si legge sul sito ministeriale;
  • Ipcei batterie 2 con 533,6 milioni di euro a sostegno di progetti e attività per stimolare “ricerca e sviluppo della produzione di materie prime, celle, moduli e sistemi di batterie elettriche su larga scala per il settore industriale italiano ed europeo”;
  • Ipcei microelettronica con 410,2 milioni di euro già programmati cui si aggiungono 325,85 milioni di euro destinati alla realizzazione e allo sviluppo di “tecnologie e componenti microelettroniche innovative nei settori dei chip efficienti sul piano energetico, dei semiconduttori di potenza, dei sensori intelligenti, dell’attrezzatura ottica avanzata e dei materiali compositi”.

Queste risorse puntano a sostenere il Made in Italy in settori ritenuti strategici a livello europeo, oltre che a stimolare nuove sinergie tra le filiere dei Paesi membri. “Particolarmente soddisfatto” si è detto il capo di dicastero Giancarlo Giorgetti: “Finalmente si lavora senza sosta al fianco delle imprese che raccolgono la sfida della transizione”.

Leggi anche Dall’Ue via libera a progetto integrato sulle batterie da 3,2 mld di euro

Realizzare batterie al litio nuove da quelle esauste, la sfida di Midac

Idrogeno, scade il 12 febbraio il termine per l’invio di proposte al Mise

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.