idrogenoScade il 12 febbraio il termine per l’invio di proposte riguardanti lo sviluppo di soluzioni a idrogeno per la produzione di energia. Le aziende interessate potranno inviarle alla posta elettronica certificata dgpiipmi.div05@pec.mise.gov.it del ministero dello Sviluppo economico.

Idrogeno, l’impegno dell’Italia 

Il dicastero è impegnato nella costruzione del progetto di interesse comune europeo (Ipcei), parte della più ampia iniziativa di politica industriale che l’Italia promuove insieme agli altri stati membri e alla Commissione europea. Il ministro Stefano Patuanelli ha sottoscritto il manifesto per il lancio dell’Ipcei lo scorso 22 dicembre insieme ai ministri di 22 stati membri più la Norvegia.

Il “Manifesto per lo sviluppo di una catena del valore europea sulle tecnologie e sistemi dell’idrogeno” vuole stimolare la collaborazione tra gli stati su progetti di larga scala per garantire all’UE la leadership nello sviluppo della tecnologie a idrogeno. Il primo di questi progetti sarà dedicato a “Tecnologie e sistemi dell’idrogeno” e si concentrerà sulla catena del valore: dalla fase della ricerca e sviluppo all’implementazione delle installazioni. Un’opportunità per stimolare la riduzione delle emissioni nocive e creare nuove opportunità occupazionali.

Idrogeno, cosa allegare alle proposte

L’email dovrà contenere due allegati: la scheda “Project portfolio” con l’ubicazione dell’investimento previsto, le caratteristiche principali del progetto, i costi ammissibili, la data di inizio e di fine del progetto; la “Scheda progetto” che presenta sinteticamente la proposta.

Scarica qui il Project Portfolio
Scarica qui la Scheda Progetto

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.