veicoli elettrici
In copertina, una foto d’archivio di Canale Energia.

La rapida decarbonizzazione verso un settore di veicoli elettrici medi e pesanti (MHDV) è essenziale per soddisfare sia gli obiettivi di sostenibilità aziendale che le esigenze della crisi climatica globale e della salute pubblica. Questi veicoli includono rimorchi per trattori, autocarri e furgoni utilizzati per soddisfare le crescenti richieste di trasporto e consegna. Sebbene i veicoli pesanti (HDV) rappresentino solo il 10% dei veicoli in circolazione, attualmente rappresentano oltre il 28% delle emissioni di gas serra degli Stati Uniti. Inoltre, i veicoli pesanti sono responsabili del 45% delle emissioni di ossidi di azoto (NOx) del settore dei trasporti e di oltre la metà delle sue emissioni di particolato (PM2,5).

Sono questi alcuni risultati messi in luce dall’analisi condotta da Ceres che delinea le priorità chiave dei 24 membri della Corporate Electric Vehicle Alliance per gli MHDV a emissioni zero. Si tratta di giganti del settore che rappresentano collettivamente più di 1 trilione di dollari (pari a circa 720 miliardi di euro) di entrate annuali e possiedono, noleggiano o gestiscono oltre 1,3 milioni di veicoli su strada nei soli Stati Uniti.

La spinta verso i veicoli elettrici e a idrogeno

Entro i prossimi cinque anni, i membri della Corporate Electric Vehicle Alliance intendono acquisire circa 330.000 veicoli elettrici plug-in e/o a celle a combustibile a idrogeno, di dimensioni variabili dalla classe 1 alla classe 8. Questa domanda di veicoli puliti è notevole, ma è importante sottolineare che questo numero rappresenta solo una parte della crescente domanda di ZEV negli Stati Uniti e indica un cambiamento nei criteri di approvvigionamento delle grandi imprese. Sebbene le priorità dei veicoli rilevate in questo sondaggio potrebbero non rappresentare necessariamente tutte le flotte aziendali in tutti i settori presi in analisi, molti concorrenti commerciali operano in casi d’uso simili e circoscrivono lacune nel mercato ZEV statunitense.

Accelerare la transizione verso la mobilità sostenibile

I produttori globali di auto e camion devono svolgere un ruolo fondamentale nell’accelerare la transizione verso la mobilità sostenibile. Per assicurarsi un posto nel futuro settore automobilistico e degli autocarri, la visione è quella di aumentare la trasparenza sui tempi di rilascio dei modelli dando priorità alla progettazione e produzione di veicoli a emissioni zero (ZEV), tali che soddisfino le configurazioni più comunemente selezionate delle flotte commerciali e le specifiche minime richieste: tra cui, autonomia elettrica, carico utile e capacità di traino.

In totale, la maggioranza dei membri dell’Alleanza ha in programma di acquistare MHDV a emissioni zero, con i furgoni da carico che rappresentano l’appalto pianificato più comune (19 membri), il resto dei membri è orientato verso gli step van (cinque membri). I piani di approvvigionamento quinquennali totali includono oltre 60.000 MHDV a emissioni zero, per lo più furgoni cargo.

Ricarica e previsioni di mercato

La maggior parte degli intervistati prevede che la maggior parte della ricarica dei veicoli avverrà in luoghi privati: il 26% presso i depositi della flotta e il 42% presso le case dei dipendenti. La tariffazione pubblica o stradale rappresenta in media il restante 32% del fabbisogno. Tuttavia, va notato che la tariffazione su strada è un elemento critico per una transizione di successo dei veicoli elettrici, in particolare per la circolazione regionale e a lungo raggio delle merci: “I produttori e i responsabili politici dovrebbero sostenere la diffusione di questa infrastruttura critica, in particolare per i veicoli elettrici medi e pesanti, e collaborare attivamente con l’industria per migliorare l’interoperabilità”, si legge nel report a commento dei dati.

Circa il 71% degli intervistati prevede di acquistare circa 269.000 veicoli commerciali leggeri a emissioni zero (berline, Suv e pickup) nei prossimi cinque anni. Le berline rappresentano oltre il 75% di questo appalto pianificato. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di preferire i BEV rispetto ai PHEV o ai FCEV. L’autonomia ZEV minima ponderata per l’approvvigionamento che soddisferebbe la maggior parte dei casi d’uso per gli intervistati è di 275 miglia (circa 443 km).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.