mobilità sostenibile autotrasporto
foto Pixabay

Il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, ha firmato ieri 18 novembre i decreti che stanziano 100 milioni di euro per agevolare l’acquisto di mezzi ecologici e tecnologicamente avanzati così da rinnovare il parco veicoli e ridurre l’inquinamento.

Le risorse stanziate

Il decreto per gli “Investimenti ad alta sostenibilità” stanzia 50 milioni di euro per le imprese di autotrasporto, per il periodo dal 2021 al 2026. Questi fondi sono destinati esclusivamente all’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa e di ultima generazione, soprattutto ibridi ed elettrici, e a carburante di ultima generazione.

Gli incentivi stanziati vanno da un minimo di 4mila euro per quelli ibridi di massa complessiva da 3,5 a 7 tonnellate, fino a 24mila euro per quelli elettrici oltre le 16 tonnellate. Contemporaneamente, nel caso di rottamazione di un veicolo diesel, si va ad aggiungere un ulteriore contributo di mille euro.

Il decreto per gli “Investimenti finalizzati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli” mette a disposizione altri 50 milioni di euro per il biennio 2021-2022, per la sostituzione da parte delle imprese di autotrasporto dei mezzi più inquinanti e meno sicuri.
Questo decreto destina 35 milioni di euro all’acquisto di mezzi diesel Euro6, contestualmente alla rottamazione di mezzi vecchi e inquinanti. In questo caso, gli incentivi vanno da un minimo di 7mila a un massimo di 15mila euro, mentre per acquistare veicoli commerciali leggeri Euro6-D final ed Euro6 il contributo è pari a 3mila euro.
Cinque milioni di euro sono riservati all’acquisto di automezzi ibridi, elettrici, Cng e Lng, usufruendo di incentivi che vanno dai 4mila ai 24mila euro, a cui si aggiungono mille euro se si rottama anche un mezzo vecchio.
Altri 10 milioni di euro sono stati assegnati all’acquisto di rimorchi e semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario e marittimo.

Il governo per la mobilità sostenibile

“Dopo gli incentivi previsti per l’eliminazione degli autobus più inquinanti, i fondi del Pnrr dedicati al rinnovo dei treni e degli autobus, gli investimenti per porti più green, l’introduzione degli incentivi destinati alle aziende di autotrasporto conferma l’impegno del Governo verso una trasformazione in senso ecologico dell’intero sistema della mobilità e della logistica. L’autotrasporto è di fondamentale importanza per il funzionamento del sistema economico ed è chiamato, come altri settori, a contribuire in modo significativo alla transizione ecologica e all’aumento della sicurezza stradale”, dichiara in nota stampa il ministro. “Il parco veicolare esistente ha un’elevata età media e mi auguro che le aziende di autotrasporto colgano questa opportunità per contribuire al rinnovamento dei mezzi in linea con le politiche dell’Unione europea volte alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.