Cop26

Stati Uniti e Cina hanno raggiunto l’accordo sugli obiettivi climatici. La Dichiarazione congiunta USA-Cina di Glasgow sul rafforzamento dell’azione per il clima, sottoscritta il 10 novembre, segue la pubblicazione della bozza di accordo finale della Cop26 e vedrà i due Paesi collaborare per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Insieme formeranno un gruppo di lavoro che lavorerà per step e con cadenze regolari per discutere le azioni da porre in essere. In base alla dichiarazione, i due Paesi affronteranno temi come energia pulita, carbone, metano e deforestazione. Il documento esplicita infatti l’intenzione di “lavorare individualmente, congiuntamente e con altri Paesi durante questo decennio decisivo, in conformità con le diverse circostanze nazionali per rafforzare e accelerare l’azione per il clima e la cooperazione, compresa l’accelerazione della transizione verde e a basse emissioni di carbonio e l’innovazione tecnologica climatica”, si legge nel testo dell’accordo.

Fase cruciale alla Cop26: l’impegno di Stati Uniti e Cina per taglio emissioni di metano

Con questi propositi, i due Paesi anticipano forme di cooperazione che avranno l’effetto di ridurre le emissioni seguendo obiettivi, politiche e misure specifiche. Prima della Cop27, Stati Uniti e Cina intendono impegnarsi per migliorare la misurazione delle emissioni di metano, scambiare informazioni sulle rispettive politiche e programmi per il rafforzamento della gestione e del controllo delle emissioni.

In particolare:

  1. gli Stati Uniti hanno annunciato il piano d’azione per la riduzione delle emissioni di metano;
  2. oltre al suo Ndc recentemente comunicato, la Cina intende sviluppare un piano d’azione nazionale completo e ambizioso sul metano, con l’obiettivo di ottenere un effetto significativo sul controllo e la riduzione delle emissioni.

Per il raggiungimento di questi obiettivi intendono convocare un incontro, nella prima metà del 2022, con un focus sulla misurazione e sulla mitigazione anche attraverso l’individuazione di standard per ridurre il metano dai settori fossile e dei rifiuti, nonché incentivi e programmi per il settore agricolo.

Politiche di transizione energetica e stop deforestazione

Nella dichiarazione gli Stati Uniti fissano l’obiettivo di produrre il 100% di elettricità senza inquinamento da carbonio entro il 2035. La Cina ridurrà gradualmente il consumo di carbone durante il 15° piano quinquennale e farà il possibile per accelerare questa transizione.

I due Paesi intendono cooperare su politiche destinate:

  • a supportare l’effettiva integrazione di quote elevate di energia rinnovabile intermittente a basso costo;
  • a incoraggiare il bilanciamento efficiente della domanda e dell’offerta di elettricità in vaste aree geografiche;
  • alla generazione distribuita che incoraggiano l’integrazione di soluzioni solari, di accumulo e altre soluzioni di energia pulita;
  • a raggiungere standard di efficienza energetica per ridurre gli sprechi di energia elettrica.

“Le due parti intendono impegnarsi in modo collaborativo a sostegno dell’eliminazione della deforestazione illegale globale applicando efficacemente le rispettive leggi sul divieto delle importazioni illegali”, è sottolineato nell’accordo congiunto a favore della Dichiarazione sulle foreste e l’uso del suolo.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.