Le 500 definizioni dell’efficienza energetica

320

efficienza energeticL’efficienza energetica è sempre più centrale nelle strategie di Governo per raggiungere gli obiettivi al 2030. L’Asseveratore dei progetti per il bonus 110%, come gli Esperti in gestione energia, gli Energy manager delle aziende ma anche i tecnici di istallazione delle caldaie, sanno che ci sono state molte modifiche e molte innovazioni in ambito legislativo. Termini e definizioni che possono variare tra di loro come il significato della stessa parola.

Abbiamo già pubblicato le “400 parole dell’energia”, ma il tempo è passato e adesso le parole sono arrivate a essere 500 definizioni dell’efficienza energetica, come ci fa notare l’attento ing. ed Ege Roberto Gerbo nel suo osservare il mondo dell’efficienza energetica. Il file è interattivo ed è a disposizione di chi effettuerà una donazione di almeno 1 giorno di calore per un povero energetico. Quanto raccolto sarà devoluto al Banco dell’energia Onlus partner dell’Alleanza contro la povertà energetica, sotto il pulsante per donare.

Clicca qui per effettuare la donazione

Ing. Gerbo qual è la parola con più identità che emerge da questa sua indagine sulle 500 definizioni dell’efficienza energetica?

A livello generale direi anche, se non presente, “entropia” intendendo come tale la diffusa definizione diversa sullo stesso termine da parti di leggi ed enti, tipo Gse (vedere Oggetto e “Definizione” in carattere rosso) e/o definizioni similari che generano sovrapposizione e quindi confusione. A livello specifico potete notare come le Definizioni che iniziano con “C” e “E” siano in grande numero, proprio quelle che iniziano con “E” e che quindi comprendono la parola “energia” sono prevalenti.

L’Ecobonus 110% è andato a sovrapporsi molto con quanto in essere?

Di per se le definizioni del Decreto Ecobonus 110%  non sono di rilievo, ma alcuni DLgs usciti in sordina pochi giorni dopo (Dlgs 48/20 e 37/20 di recepimento Direttive UE nel campo della prestazione e efficienza energetica) hanno sostanzialmente cambiato i riferimenti, primo fra tutti la definizione di “generatore di calore.

  • Prima “il complesso bruciatore-caldaia che permette di trasferire al fluido termovettore il calore prodotto dalla combustione”
  • Ora “la parte di un impianto termico che genera calore utile avvalendosi di uno o più dei seguenti processi:
    1) la combustione di combustibili, ad esempio in una caldaia;
    2) l’effetto Joule che avviene negli elementi riscaldanti di un impianto di riscaldamento a resistenza elettrica;
    3) la cattura di calore dall’aria ambiente, dalla ventilazione dell’aria esausta, dall’acqua o da fonti di calore sotterranee attraverso una pompa di calore;
    4) la trasformazione dell’irraggiamento solare in energia termica con impianti solari termici”

e mi pare significativa, ma attenzione che

  • per il GSE recita “generatore di calore (caldaia) a condensazione” =”tipologia di generatore di calore che può sfruttare utilmente il calore derivante dalla condensazione del vapore d’acqua presente nei fumi; è caratterizzato da un rendimento termico utile istantaneo che può superare il 100% (con riferimento al p.c.i. del combustibile in ingresso)”

Lascio ai lettori la valutazione… ma non è sempre sostanzialmente lo stesso apparecchio?

C’è un termine che preferisce e in caso perché?

Può sembrare strano ma è il termine “manutenzione” uno dei più vecchi presenti nelle leggi, ma ancora oggi usato scorrettamente in molti casi (poi in TV e sui media non parliamone…).

Questo riferimento per fare capire che occorre avere chiaro, specie nel facility management e quindi anche per i contratti Epc ad es., che la articolazione corretta porta a riferimenti come il seguente

 definizioni dell'efficienza energetica

Questo riferimento per fare capire che occorre avere chiaro, specie nel facility management e quindi anche per i contratti Epc ad es., che la articolazione corretta porta a riferimenti come il seguente

esercizio di manutenzione impianto

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.