plastica mareL’iniziativa Liberami dalla plastica lanciata tre anni fa da Ambiente mare Italia-Ami raccoglie oggi oltre 600 aziende impegnate nella riduzione del consumo di plastica. “La nostra è una iniziativa- spiega Alessandro Botti, presidente di Ami- che vuole indurre le istituzioni i cittadini, a ridurre l’uso della plastica nelle loro vite e nei processi produttivi, (perché di plastica si può morire)”, comenta in una nota stampa il presidente di Ami Alessandro Botti.

L’iniziativa Liberami dalla plastica

Si tratta di piccole e grandi realtà che vogliono stimolare la transizione verso il ciclo sostenibile della plastica, dalla produzione al consumo, così da scongiurare le ripercussioni più gravi sull’ambiente, sulle specie animali marine e sull’uomo. “Già da molti anni ci siamo posti il problema della compatibilità ambientale di alcune categorie di prodotto e abbiamo qualificato i processi di approvvigionamenti selezionando fornitori e prodotti con processi e materiali a più basso impatto a partire dalla carta per proseguire con la plastica monouso”, spiega l’amministratore delegato di Errebian Luca Masciola.

L’azienda, che aderisce ad Ami, ha rinnovato i propri cataloghi indicando i prodotti realizzati facendo attenzione all’impatto ambientale. La comunicazione trasparente al cliente ha premiato: ha incrementato ogni anno del 20% le vendite di prodotti bio e senza plastica. Prossimamente, il bollino dell’associazione ambientalista sarà usato per certificare i prodotti plastic free, monitorati attraverso la mappa di Liberami dalla plastica.

Il cambiamento si conferma una scelta individuale, oltre che del mondo produttivo: “Tutti dobbiamo ispirare I consumi a una maggiore responsabilità. E l’imprenditoria italiana deve ispirare i propri processi produttivi e decisionali a una sempre maggiore consapevolezza che il mare chiede aiuto, il mare non ne può più”, conclude il presidente di Ami.

Leggi anche Un innovativo cosmetico solido per ridurre l’utilizzo della plastica

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.