trasporto aereo American airlines

In vista del voto in plenaria di questa settimana sul regolamento ReFuelEU per l’aviazione, i parlamentari europei e gli esperti dell’industria e dell’ambiente hanno criticato i piani della Commissione europea e, in occasione di un evento organizzato da eFuel Alliance, hanno chiesto un aumento dei mandati di miscelazione del Sustainable aviation fuel (Saf) e degli eFuels.

“Sono fermamente convinto che gli eFuel siano il futuro dell’aviazione”, ha dichiarato l’eurodeputato Ciaran Cuffe. I carburanti a zero emissioni di CO2 beneficeranno anche dello sviluppo dei prezzi e delle economie di scala, ha sottolineato Cuffe: “I carburanti elettronici possono essere costosi ora, ma maggiore sarà l’offerta, minore sarà il prezzo e questo deriva da un chiaro segnale al mercato da parte della proposta ReFuelEU Aviation. Guardate cosa è successo con le energie rinnovabili negli ultimi anni. Quando si parla seriamente di nuove tecnologie, i prezzi scendono fino a diventare più competitivi rispetto alle alternative meno sostenibili, e lo stesso vale per gli eFuels”. 

Il mercato dei carburanti sintetici

Il mercato dei carburanti sintetici per l’aviazione crescerà e diventerà più attraente, ha sottolineato Silke Bölts, responsabile delle politiche per l’aviazione presso l’organizzazione ombrello delle Ong Transport & Environment (T&E). 

“In uno studio abbiamo scoperto che le capacità di produzione di e-kerosene in Europa fino al 2030 e oltre, sono significativamente superiori alle stime della Commissione”. 

Naturalmente, questo sviluppo dipenderà dalle condizioni politiche generali, ma le possibilità tecniche di produzione potrebbero essere di 1,83 milioni di tonnellate nel 2030, rispetto ai meno di 0,4 milioni di tonnellate previsti dalla Commissione. 

Conclude Bölts: “Infine, le aziende devono valutare il mercato e le opportunità di mercato. Le aziende hanno bisogno di mandati di miscelazione perché gli investitori devono essere sicuri che il prodotto sarà venduto”.

Oggi meno dell’1% del carburante per l’aviazione a livello mondiale proviene da fonti rinnovabili, il che offre un potenziale immenso, ha sottolineato David Zaziski, vicepresidente di Infinium. “Ma è proprio qui che si trovano le opportunità per ridurre i gas serra e ottenere benefici per la qualità dell’aria. Ciò che spesso viene trascurato è che il carburante per l’aviazione è in realtà più difficile da produrre, date le sue specifiche più rigide. Di conseguenza, richiede una lavorazione supplementare e costi aggiuntivi rispetto al diesel per il trasporto su strada”, ha detto Zaziski. Iniziative come quella dell’UE hanno dimostrato la necessità di incentivi politici specifici per il carburante per l’aviazione da fonti rinnovabili, “con obiettivi chiari, in modo da far progredire rapidamente il mercato Saf”. 

Anche Samuel Maubanc, responsabile degli affari UE di Neste, ha sottolineato la necessità di un quadro chiaro: “Dobbiamo avere regole realistiche per Power to X per Saf fin da ora, perché è un mercato nuovo”. 

Si è inoltre espresso contro la scelta delle opzioni preferite o, peggio ancora, contro la contrapposizione tra una tecnologia e l’altra, poiché gli obiettivi climatici devono essere sempre tenuti in considerazione.

“I combustibili fossili devono essere sostituiti dalle energie rinnovabili, questo è l’ordine del giorno”, ha sottolineato Maubanc. “Sia l’Hefa Saf, basato su rifiuti e residui, sia gli eFuels saranno indispensabili per decarbonizzare l’aviazione, e Neste sta investendo in tutti questi settori”, ha aggiunto Maubanc.

Airlines For Europe è stata fondata nel gennaio 2016 dalle cinque maggiori compagnie aeree europee e ora rappresenta la maggior parte del traffico aereo europeo. 

Laurent Donceel, senior policy director di Airlines For Europe, ha chiarito che l’aviazione ha obiettivi climatici ambiziosi nell’UE. “Tuttavia, dobbiamo anche tenere a mente la prospettiva globale. L’UE è molto orgogliosa di stabilire l’agenda per quanto riguarda la futura legislazione sul clima e l’energia. Purtroppo, la maggior parte del mondo la vede ancora in modo diverso. È essenziale che l’industria aeronautica mondiale veda con chiarezza dove vogliamo arrivare in termini di emissioni di CO2 nel 2050”, ha sottolineato.

Un punto di vista più globale è stato espresso anche dal dottor Martin Adler, ricercatore senior della Seo Amsterdam Economics. 

Le politiche Fit for 55 attualmente proposte contribuiranno a limitare le emissioni di CO2 del trasporto aereo. Il mandato di miscelazione Saf di ReFuelEU è una componente cruciale di queste politiche di riduzione delle emissioni, ma è anche associato ad un aumento dei prezzi dei biglietti e ad una distorsione della concorrenza”, ha dichiarato Adler. 

Il costo di un’aviazione green farà lievitare i prezzi dei biglietti in UE

Secondo uno studio della Seo Amsterdam Economics, nel 2035, i prezzi dei biglietti di andata e ritorno per passeggero in Europa aumenteranno fino a circa 100 euro rispetto agli aeroporti extraeuropei nell’ambito del programma “Fit for 55”. 

Gli aeroporti e le compagnie aeree al di fuori dello spazio aereo europeo non hanno questi costi aggiuntivi, il che porterà a uno sviluppo non uniforme: “La maggiore crescita dell’aviazione avverrà al di fuori dei confini dell’Unione Europea perché questi aeroporti sono esclusi dalla regolamentazione comunitaria e ne trarranno i maggiori benefici”. 

Secondo le previsioni di Adler, la crescita dei passeggeri dell’aviazione si ridurrà di circa 8,6 milioni di passeggeri diretti verso destinazioni esterne all’Unione Europea e di circa 110 milioni all’interno dell’Unione Europea.

In precedenza, l’eurodeputata Hildegard Bentele (Ppe) aveva sottolineato in un discorso di benvenuto all’evento: “Personalmente ritengo che un percorso oltre il 2035 debba essere oggetto della revisione del piano e intraprenderemo un’analisi approfondita delle capacità disponibili e dell’impatto dei costi, della competitività e della mobilità. Dopo molte discussioni, per me è chiaro che gli eFuel sono il futuro. Gli obiettivi sono sostenuti da un’ampia maggioranza e spero che otterremo un risultato di voto corrispondente. Perché dobbiamo aumentare la produzione di carburanti sintetici il prima possibile”. 

L’eurodeputata ha sottolineato che il Parlamento europeo ha dato un forte contributo per creare il giusto quadro normativo, ad esempio introducendo le quote Saf nel sistema di scambio di quote di emissioni per l’aviazione, che la sosterrà colmando le differenze di prezzo tra i combustibili fossili da un lato e i Saf e gli eFuels dall’altro. 

Il ruolo dei biocarburanti

È stato discusso anche il ruolo dei biocarburanti, la cui definizione è stata ampliata durante il voto della commissione Tran. 

“La Commissione ha raggiunto un delicato compromesso escludendo le materie prime che non sono disponibili a causa di un’offerta limitata o del loro utilizzo in altri settori e perché hanno un enorme impatto sull’uso del suolo e sulla produzione di energia, un enorme impatto sull’uso del suolo e sull’approvvigionamento alimentare”, ha dichiarato l’eurodeputato Cuffe. 

Esiste una competizione tra l’uso della terra per i combustibili e l’uso della terra per il cibo. La crisi in Ucraina dimostra che questa competizione va a scapito dei più poveri, con conseguenze disastrose per chi ne ha bisogno. 

Laurent Donceel si è detto d’accordo con questo punto di vista, affermando che: “È una questione di sostenibilità: come possiamo assicurarci che la produzione di carburante per l’aviazione sostenibile non crei problemi in altre parti del mondo? Noi, come compagnie aeree, abbiamo principi molto chiari: non vogliamo carburanti che competano con la produzione di mangimi e cibo o che incoraggino la deforestazione”.

“Abbiamo bisogno di quote ambiziose e di combustibili sintetici per raggiungere gli obiettivi climatici. Purtroppo, nel prossimo futuro non ci sono alternative ai combustibili liquidi per l’aviazione. Ciò rende ancora più importante la fissazione di quote elevate e vincolanti per defossilizzare l’aviazione e garantire la sicurezza degli investimenti per l’espansione del mercato degli eFuel”, ha concluso Ralf Diemer, direttore generale di eFuel Alliance. 

Una miscela di almeno il 10% di carburante per l’aviazione sostenibile (Saf) nel 2030, compresa una sotto-quota per gli eFuel del 2%, sarebbe un primo passo. Per poter ridurre rapidamente i costi grazie alle economie di scala, le quote dovrebbero aumentare al 75% di Saf, di cui il 53% di eFuels, nel 2050. 

Il voto in plenaria sul regolamento ReFuelEU per l’aviazione si terrà il 7 luglio.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.