idrogeno verde

Ineos, società inglese della chimica controllata da Jim Retcliff, l’uomo più ricco del Regno Unito, attraverso la sua sezione aziendale Inovyn, il più grande operatore europeo nell’elettrolisi, ha annunciato oggi che investirà da qui ai prossimi dieci anni più di 2 miliardi di euro nella produzione di idrogeno verde a zero emissioni di carbonio in tutta Europa. L’azienda ha esperienza anche nello stoccaggio e nella trasformazione dell’idrogeno.

Leggi anche Sviluppare la filiera dell’idrogeno verde: l’Italia sarà all’altezza della sfida?

Gli impianti per la produzione di idrogeno verde

Norvegia, Germania e Belgio ospiteranno i primi impianti. Ulteriori investimenti saranno fatti in Regno Unito e Francia.

L’impianto in Norvegia prevede l’installazione di un elettrolizzatore da 20 MW per la produzione di idrogeno pulito e sarà alimentato da elettricità a zero emissioni di carbonio. È destinato a diventare un hub importante per fornire idrogeno ai trasporti norvegesi e contribuirà a ridurre l’impronta carbonica di circa 22mila tonnellate di CO2 all’anno.

L’impianto a Colonia, in Germania, prevede di costruire un elettrolizzatore da 100 MW, favorendo la decarbonizzazione delle attività di Ineos presso il sito. Qui l’idrogeno sarà utilizzato per produrre ammoniaca verde e, per un ulteriore sviluppo, si punta sulle applicazioni power-to-methanol su scala industriale. La riduzione di emissioni stimata sarà di 120mila tonnellate anno.

L’intenzione dell’azienda è di lavorare con i governi europei per garantire che siano costruite le infrastrutture necessarie a rendere l’idrogeno protagonista della transizione energetica.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.