PM10

Nelle province di Milano, Monza e Cremona sono attivate con decorrenza dal 14 gennaio le misure temporanee di primo livello per il contenimento dell’inquinamento da PM10 come previsto dalla Dgr 3606/2020. Come riferisce la Regione Lombardia in una nota stampa, si sono registrati per il 5° giorno consecutivo il superamento del limite giornaliero di particolato in provincia di Monza (64 µg/m³) e il 4° nelle province di Milano e Cremona (rispettivamente, 54 e 59 µg/m³).

P10, scatta il blocco del traffico

Le limitazioni al traffico sono attivate nei Comuni con oltre 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria in fascia 1 e 2. Il divieto alla circolazione riguarda le auto di classe fino a Euro4 diesel, comprese quelle dotate di filtro antiparticolato, dalle 8.30 alle 18.30, oltre a quelle già soggette alle limitazioni permanenti.

Leggi anche Appello delle regioni padane al Governo: “Stop emissioni inquinanti”

Misure di contenimento per riscaldamento e agricoltura

Le limitazioni vengono applicate a tutti i Comuni delle province interessate dai superamenti continuativi dei livelli di PM10. Per il riscaldamento è previsto il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa con emissioni inferiori o uguali a 3 stelle e il limite a 19 gradi delle temperature all’interno degli edifici, con tolleranza di 2 gradi. Relativamente ai blocchi in agricoltura, è vietato lo spandimento dei reflui zootecnici, salvo iniezione diretta o interramento immediato.

Ulteriori divieti sono relativi a tutti i tipi di combustioni all’aperto con particolare riferimento ai falò rituali.

Leggi anche Gli effetti del lockdown sulla composizione del PM10 a Roma

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.