acque marine
Il campionamento. Fotografia di Claudio Palmisano

“Acque particolarmente limpide e una situazione nel complesso stabile per le sostanze legate alle attività produttive”. È questo il quadro di estrema sintesi risultato dal monitoraggio straordinario del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa) e dal Comando generale del corpo delle capitanerie di porto che ha analizzato l’influenza del lockdown sulla qualità delle acque marine.

Leggi anche Effetto lockdown sulle acque marino-costiere: partito il monitoraggio in Calabria

Il mare è particolarmente trasparente e il livello di pulizia è superiore alle medie stagionali, precisa l’Snpa. È diminuita la quantità di sostanze legate alle attività produttive, come metalli, fitofarmaci e solventi. In alcune regioni è anche diminuita la quantità di nutrienti rispetto agli anni passati, in particolare dei composti dell’azoto e del fosforo che sono tra le cause di alterazione delle acque marino costiere.

La situazione nelle regioni

In alcuni tratti del ponente ligure si riesce a scrutare il fondale a occhio nudo fino a 15 metri di profondità, contro i 10 abituali. Maggiore trasparenza anche per le acque del litorale laziale ed emiliano-romagnolo. In Campania è diminuito anche l’inquinamento acustico provocato dalle imbarcazioni e dagli idrogetti.

Lockdown e qualità acque marine: risultati da aprile a giugno

Il monitoraggio condotto da aprile ai primi di giugno ha coinvolto 457 stazioni di prelievo lungo le coste italiane e 14 agenzie regionali con le direzioni marittime che presentano dati storici e confrontabili. “Uno studio che ci ha visti impegnati anche nel monitoraggio dell’aria, del suolo, dei rifiuti e su molti altri fronti legati alla salute dell’ambiente e dell’uomo. Impegno profuso da una rete di oltre 10 mila esperti su tutto il territorio nazionale”, spiega il presidente Ispra-Snpa Stefano La Porta.

Sia il Comando generale che le Agenzie ambientali hanno messo a disposizione appositi mezzi navali. Sono stati impiegati circa 300 militari della Guardia costiera che hanno effettuato 127 specifiche missioni. I cinque nuclei subacquei della stessa Guardia costiera hanno eseguito 24 missioni, finalizzate a verificare lo stato della flora e della fauna, soprattutto nelle aree di maggior pregio naturalistico quali le aree marine protette.

Campionamento e analisi

In alcuni casi è stato il personale della Guardia costiera, debitamente formato, a occuparsi del campionamento. In altri sono state le squadre di tecnici delle Arpa con il supporto dei militari e dei mezzi della Capitaneria.

Per le misure è stata adoperata la strumentazione oceanografica presente a bordo delle motovedette: sonde multiparametriche, Ctd, disco di Secchi e bottiglie Niskin, spiega l’Snpa. La campagna “ha permesso non solo di fotografare lo stato dei nostri mari, ma di consolidare la collaborazione tra Corpo delle capitanerie di porto e il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente”, ha commentato il comandante generale delle Capitanerie di porto, l’ammiraglio Giovanni Pettorino.

acque marine
Imbarcazione della Guardia costiera. Fonte: ministero dell’Ambiente

Usato anche Copernicus

In ausilio, è stato adoperato il sistema satellitare Sentinel-3 di Copernicus per osservare dall’alto la diminuzione delle particelle presenti in acqua. Presso le foci del Po e dell’Adige sono state condotte da Arpa Veneto, Ispra e Capitaneria di porto di Venezia sono state condotte specifiche indagini.

Il monitoraggio speciale è stato voluto dal ministero dell’Ambiente, spiega in nota il capo di dicastero Sergio Costa, per “avere evidenza scientifica di quello che già i nostri occhi potevano verificare”. L’impegno ora è “fare sì che questi standard di qualità siano mantenuti nella costruzione di una nuova normalità green”.

Per un’analisi più completa, sottolinea l’Snpa, bisognerà aspettare qualche mese.

acque marine
Fotografia di Claudio Palmisano
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.