Earth Prize
foto Pixabay

L’Italia sul podio della prima edizione dell’Earthshot Prize, il più prestigioso premio ambientale globale, pensato per incentivare il cambiamento e aiutare a “riparare” il nostro pianeta nei prossimi dieci anni. Il premio mette in evidenza la capacità di apportare un cambiamento e ispirare l’azione collettiva. L’iniziativa è voluta dal principe William d’Inghilterra per premiare le possibili e migliori soluzioni al problema della crisi climatica.

I cinque vincitori 

L’Earthshot Prize, lo scorso 18 ottobre, all’Alexandra Palace di Londra, ha rivelato i primi cinque vincitori, ognuno dei quali riceverà un premio in denaro di 1 milione di sterline e avrà a disposizione una rete globale di supporto professionale e tecnico per poter implementare le soluzioni ambientali proposte.

I cinque vincitori sono stati selezionati dal Consiglio del premio Earthshot e sono stati scelti per le loro soluzioni innovative alle più grandi sfide ambientali. 

Dietro al premio c’è stata una ricerca globale di dieci mesi, con oltre 750 candidature da tutto il mondo. Quindici finalisti sono stati scelti attraverso un rigoroso processo di selezione, supportato da un comitato consultivo di esperti, per il loro potenziale impatto positivo sulle persone e sul mondo naturale. 

Tutti i 15 finalisti riceveranno un supporto da The Earthshot Prize Global Alliance, composta da una rete filantropica, Ong e imprese del settore privato in tutto il mondo, che aiuterà a scalare le loro soluzioni.

I vincitori si sono collegati alla cerimonia di premiazione durante la quale il Duca e la Duchessa di Cambridge sono stati raggiunti da Sir David Attenborough, Christiana Figueres, Dani Alves. Oltre a loro tanti artisti tra cui Ed Sheeran e Yemi Alade.

I vincitori del Premio Earthshot per il 2021 sono: il Costa Rica che ha vinto il premio nella categoria “Proteggi e ripristina la natura” per la protezione delle foreste; la società indiana Takachar si è aggiudicata il premio “Pulisci l’aria”  per la riduzione delle emissioni dei fumi in aria; al progetto “Coral Vita” (Bahamas) per la rigenerazione delle barriere coralline è andato il premio nella categoria “Rianima gli oceani” e a Berlino per lo sviluppo di tecnologie a idrogeno per la produzione di energia. 

Il podio dell’Italia

L’Italia si è aggiudicata il podio vincendo con due categorie su cinque: una, “Costruisci un mondo senza rifiuti” con la città di Milano, l’altra, “Ripristina il nostro clima” con la società Enapter, con sede a Crespina Lorenzana (Pisa), che produce generatori di idrogeno modulari ad alta efficienza.

La città di Milano contro lo spreco alimentare

La città di Milano, ha vinto grazie al progetto della Food policy degli hub di quartiere contro lo spreco alimentare, che verranno potenziati grazie al premio di un milione di sterline, così da poterne aprire di nuovi e poter continuare a portare avanti questa buona pratica. É un lavoro che ha coinvolto tante realtà: il terzo settore, il Comune e la grande distribuzione.

Oggi Milano ha tre hub di quartiere a Isola, Lambrate e al Gallaratese. Il progetto è nato nel 2017 tra Comune, Politecnico di Milano, Assolombarda, Fondazione Cariplo e il Programma QuBì. 

Il primo hub ha coinvolto il Banco alimentare della Lombardia e ha permesso di non sprecare oltre 10 tonnellate di cibo al mese. In questo modo sono stati assicurati in un anno 260mila pasti, che hanno aiutato 3.800 persone, grazie a 20 supermercati, 4 mense aziendali e 24 enti del Terzo settore.

Il prossimo e quarto hub di quartiere sarà al Corvetto, gestito da Banco Alimentare della Lombardia e con il contributo della Fondazione Snam. Per il quinto, in fase di progettazione, è stato avviato un tavolo con l’Associazione Ibva e con il contributo di Bcc Milano. Nel progetto saranno coinvolte: Lidl Italia, Carrefour, Esselunga, Coop Lombardia, Bennet, Penny Market e il Gigante. 

Insieme a Fondazione Cariplo e SogeMi, il Comune ha lanciato l’iniziativa “Foody zero sprechi”, per replicare il modello degli hub anche all’Ortomercato e poter recuperare il cibo fresco.

La cerimonia del prossimo Earthshot Prize nel 2022 si svolgerà negli Stati Uniti e le candidature per il Premio 2022 si apriranno nel gennaio 2022.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.