Termosifone E1662037578915

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha presentato in Consiglio dei Ministri il piano di risparmio energetico per fronteggiare l’attuale crisi energetica. 

A partire dal prossimo 1° ottobre, riscaldamento giù di un grado: si dovrà passare infatti da 20 a 19 gradi, sia nelle case con riscaldamento centralizzato, che negli edifici pubblici e, andranno accesi un’ora in meno al giorno, durante la fascia serale.

Sarebbe anche prevista, durante il periodo di accensione, la possibilità di tenere accesi i termosifoni due settimane in meno in ogni zona climatica del Paese. 

Alcun riferimento da parte del ministro ad eventuali ricorsi allo smart working nel servizio pubblico, né ad interventi sull’illuminazione delle vetrine dei negozi. 

Esclusa inoltre da interventi mirati la scuola e, l’ipotesi di chiusura degli istituti superiori il sabato con gli studenti in Dad, o una revisione degli orari con lo scopo di ridurre i consumi.

La stretta sarà formalizzata nei prossimi giorni. La prossima settimana invece, verrà discusso il nuovo decreto contro il caro bollette e un corposo piano per sostenere le imprese. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.