rifiuti tessili
foto Pixabay

Il gigante del fast fashion online Shein ha annunciato un Fondo di 50 milioni di dollari, a partire da una donazione di 15 milioni di dollari, ad un ente di beneficenza americano-ghanese, per contribuire ad affrontare il problema dei rifiuti tessili in aumento a livello globale e sostenere i lavoratori. 

La fast fashion, che si riferisce ai rivenditori di abbigliamento che si affidano alla produzione rapida e a basso costo di capi di bassa qualità per soddisfare le ultime tendenze, ha effetti dannosi sull’ambiente. 

L’enorme rivenditore online cinese è spesso citato come uno dei maggiori responsabili del peggioramento della tendenza al fast fashion, infatti secondo un comunicato stampa del 2020, il marchio aggiunge ogni giorno almeno 500 prodotti sul proprio sito web, e vende più di 36 milioni di chili di merci a livello globale all’anno.

Gran parte degli indumenti viene rapidamente scartata, finendo nelle discariche, dove ogni anno vengono rilasciate negli oceani fino a 500mila tonnellate di fibre sintetiche provenienti dai tessuti, oppure viene donata a enti di beneficenza. 

Il mercato degli abiti-rifiuto di seconda mano in Ghana

Ma i rapporti hanno rilevato che, fino al 30% degli abiti donati ai 10mila enti di beneficenza del Regno Unito vengono in realtà acquistati e poi venduti ai commercianti di tessuti nei mercati dell’usato dei Paesi in via di sviluppo, tra cui il Kantamanto in Ghana.

Il Kantamanto del Ghana

Questo è il più grande mercato di abbigliamento di seconda mano del mondo, che riceve ogni settimana circa 15 milioni di capi di scarsa qualità, il 40% dei quali sono rifiuti. 

“Il Ghana non ha discariche o inceneritori”, ha dichiarato Liz Ricketts, direttrice della Fondazione Or.Gli indumenti entrano nell’ambiente, alcuni finiscono negli oceani, ci sono milioni di indumenti sul fondo dell’oceano e le correnti li spingono sulla spiaggia. Per far fronte a questo problema, Shein ha annunciato un Fondo di responsabilità estesa del produttore, che vedrà l’azienda stanziare 50 milioni di dollari nei prossimi cinque anni per promuovere il riciclaggio dei tessuti”. 

“Il marchio di moda, continua Ricketts, ha inoltre scelto la Or Foundation come primo destinatario di una sovvenzione di 15 milioni di dollari. La fondazione no-profit americano-ghanese utilizzerà il denaro per espandere il suo Programma di Apprendistato “Mabilgu” per le giovani donne in Ghana e per incubare imprese comunitarie che trasformino i rifiuti tessili in nuovi prodotti. La donazione mira anche a garantire migliori condizioni di lavoro al mercato di Kantamanto, ad Accra”. 

L’annuncio di Shein è stato fatto in occasione del vertice mondiale della moda tenutosi a Copenaghen tra il 7 e l’8 giugno. Mentre alcuni hanno elogiato la donazione, un partecipante anonimo ha dichiarato al Guardian che il Fondo è semplicemente un “greenwashing pubblico”, criticando che “è troppo facile per Shein ed è troppo presto per definirlo un leader”. Sono stati valutati 100 miliardi di dollari, hanno milioni da spendere. Dovrebbero affrontare il problema alla radice.

Tuttavia, Ricketts sostiene che: “Ciò che consideriamo veramente rivoluzionario è il riconoscimento da parte di Shein del fatto che i suoi capi di abbigliamento possono finire nel Kantamanto, un fatto semplice che nessun altro grande marchio della moda è stato ancora disposto a dichiarare” e invita altri rivenditori di moda a farsi avanti e ad assumersi la responsabilità dei propri rifiuti tessili. 

L’industria della moda mondiale è attualmente al di sotto dei suoi obiettivi di sostenibilità per il 2030

Oltre a produrre quantità enormi di rifiuti tessili, il settore è responsabile di quasi il 10% delle emissioni globali di carbonio, più dei settori dell’aviazione e della navigazione messi insieme e di quasi il 20% delle acque reflue globali. 

Mentre più di 150 marchi hanno sottoscritto la “Carta dell’industria della moda delle Nazioni Unite, impegnandosi a raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050 e ad affrontare il loro ruolo nel cambiamento climatico, i materiali sintetici a base di combustibili fossili e quelli riciclati costituiscono ancora oggi più della metà della produzione totale di fibre. 

Secondo un nuovo rapporto del gruppo industriale no-profit Ellen MacArthur Foundation, la produzione di abbigliamento è raddoppiata tra il 2000 e il 2015, mentre l’utilizzo di un capo di abbigliamento è diminuito del 36%. Solo il 14% dei marchi di moda dichiara che i propri prodotti sono stati realizzati con materiali riciclabili e meno dell’1% dei rifiuti tessili è stato riciclato in fibre per nuovi abiti o per altri scopi. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.