Dare nuova vita agli scarti del caffè per produrre alcune componenti delle automobili. E’ questo il perno della collaborazione tra McDonald’s e Ford, che sfrutteranno l’involucro dei chicchi di questa pianta trasformandola in un materiale durevole da impiegare in strutture come l’alloggiamento dei fari.

Il processo

Il processo consiste in particolare nel riscaldare a temperature elevate e basso ossigeno, la buccia dei chicchi, che nei processi di tostatura si stacca naturalmente, per poi mescolarlo con plastica e ad altri additivi. In questo modo si ottiene pellet, materiale che può essere modulato in varie forme.

Caratteristiche 

Il materiale così ottenuto risulta il 20% più leggero e richiede l’impiego del 25% in meno di energia nel processo di produzione.

“Puntare sull’economia circolare”

L’impegno di McDonald’s nei confronti dell’innovazione ci ha molto colpito ed è assolutamente in linea con la nostra visione sul futuro e le azioni messe in atto per la sostenibilità – sottolinea in nota Debbie Mielewski, senior technical leader del Ford sustainability and emerging materials research teamquesta è una priorità per Ford da oltre 20 anni, e questo è un esempio di economia circolare, in cui diverse industrie lavorano insieme, scambiandosi materiali che altrimenti sarebbero semplicemente prodotti collaterali o di scarto’’.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.