Arrivare a produrre zero rifiuti entro il 2020 per raggiungere il target del 100% di riciclo. E’ l’ambizioso obiettivo che si è posto il villaggio giapponese di Kamikatsu a circa 500 km da Tokyo. L’input è venuto nel 2000  dalla necessità di dover chiudere un inceneritore, perché non rispettava più le regole di sicurezza. La cittadina da allora ha puntato tutto sulla raccolta differenziata dei rifiuti. I primi risultati sono arrivati già nel 2017 quando è stato raggiunto l’80% del riciclo dei rifiuti. Un traguardo importante che ora l’amministrazione locale vuole migliorare ulteriormente, arrivando a quota 100%.

L’impegno dei cittadini

Il modello green del paese trova un valido supporto nei cittadini che trasportano da soli i loro rifiuti verso le strutture di raccolta locali. Si tratta di circa 40 contenitori per il conferimento delle diverse tipologie di materiali. 

Australia, l’innovazione a tutela dell’Oceano

Sempre in tema di rifiuti, dall’Australia arriva una soluzione innovativa per impedire che questi materiali scaricati nelle fogne vadano a riversarsi nell’oceano. Una proposta di un ingegnere del luogo, che ha riscosso molto successo tra gli utenti di Facebook,  mostra strutture simili a reti  da installare all’imboccature della fogna. Si tratta di oggetti che impediscono a questi materiali di finire in mare.

Un robot per smistare i rifiuti

Un’altra idea innovativa in ambito riciclo è quella realizzata dal MIT- Massachussettes Institute of Technology, che in un comunicato stampa di aprile ha annunciato il progetto di un robot, denominato RoCycle, in grado di smistare i diversi rifiuti da differenziare grazie a qualcosa di simile al senso del tatto umano. Il macchinario sfrutta dei sensori per distinguere i rifiuti e riesce ad afferrarli grazie a dei morsetti, per poi metterli in appositi contenitori. Attualmente gli esperimenti hanno registrato una precisione pari all’85%. Si sta valutando la possibilità di dotare il robot di una fotocamera.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.