solidaleParte la quarta edizione di HeraSolidale con cui i lavoratori, i clienti e l’azienda stessa sostengono sette progetti ambientali e di solidarietà. L’edizione sarà più lunga e si concluderà nel 2022.

Come si può donare per HeraSolidale

I dipendenti possono scegliere se fare una donazione attraverso addebito mensile in busta paga o con il sistema di welfare aziendale Hextra. La multiutility versa 1 euro ogni nuovo cliente acquisito da Hera Comm. I nuovi clienti possono destinare 1 euro alla sottoscrizione di un’offerta del mercato libero.

Le organizzazioni coinvolte sono selezionate secondo alcuni criteri, tra cui la notorietà, la trasparenza delle attività e il loro contributo al raggiungimento di uno o più obiettivi dell’Agenda Onu al 2030.

Nuova categoria: i progetti ambientali

Di seguito la lista dei progetti ambientali di HeraSolidale:

  • “Salviamo i nostri mari dalla plastica” di Marevivo onlus per la raccolta raccolta di rifiuti plastici nelle acque dei porti e nei circoli nautici con moderne tecnologie;
  • “Let’s green Madagascar!” di Treedom foundation onlus punta a realizzare un vivaio di specie forestali e da frutto in un’area dell’isola in cui intere aree forestali e vecchi terreni agricoli sono incendiati.

I progetti delle cinque organizzazioni scelte dai lavoratori

  • “Un donatore per tutti” dell’Associazione donatori midollo osseo per l’acquisto di tamponi salivari in modo da individuare nuovi potenziali donatori con un semplice prelievo salivare;
  • “Bimbi in Ant” di fondazione Ant con cui si vuole offrire l’assistenza pediatrica domiciliare ai piccoli malati di tumore;
  • “Le speciali visite in ospedale dei dottor Sogni” della fondazione Theodora Onlus offre momenti di gioco e svago ai bambini e ai ragazzi ricoverati a Bologna presso il policlinico Sant’Orsola-Malpighi e l’ospedale Bellaria;
  • “Un centro educativo-scolastico in Ghana” della Comunità della missione di don Bosco (Cmb) sostiene con l’acquisto di materiale scolastico e dei pasti, il supporto alle utenze e agli stipendi del personale una scuola di prima alfabetizzazione per bambini, un centro giovanile pomeridiano, un campo estivo e la formazione dei membri Cmb;
  • “Un’istruzione per i bambini del Ciad” di Unhcr, l’agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati, mira a garantire l’accesso all’istruzione primaria ai bambini rifugiati in Ciad, la cui vita è stata stravolta dalla guerra.

La scorsa edizione sono stati raccolti 430 mila euro, 64 mila dei quali donati in una edizione straordinaria di HeraSolidale a favore dei servizi sanitari di Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.