Liberarsi dalla plastica in mare, diventa facile come giocare

Le iniziative della associazione Ambiente mare Italia e l'esperienza dell'azienda Leovegas

388

Ambiente Mare AmoreLiberarsi dalla plastica monouso magari trasformandola in un elemento di business e di vantaggi per l’azienda e il privato. Con questo principio compie tra poco un anno l’iniziativa LiberAmi dalla Plastica, lanciata dalla associazione Ambiente mare Italia (AmI).   Una campagna nazionale che ha permesso di iniziare a segnalare e geolocalizzare tutte le iniziative di privati e comuni sul tema, monitorando quanto accade in Italia. “Lo facciamo perché riteniamo che molti cittadini possano scegliere una scuola anche perché plastic free”, spiega a Canale Energia Alessandro Botti presidente di Ami. Per chi è interessato, si può anche aderire alla campagna e ricevere un kit di avvicinamento alle buone pratiche plastic free, rimandando la lettera di adesione controfirmata.

Liberarsi dalla plastica monouso nelle attività di tutti i giorni

A questo si aggiunge una iniziativa di social game che al momento l’associazione intende realizzare a Milano. “Stiamo cercando di sensibilizzare 3mila esercenti a partecipare” spiega Botti, “le persone consumando nei locali aderenti acquisiranno punteggi convertibili nelle attività di ristorazione o commerciali aderenti. Un modo per coinvolgere esercenti e cittadini a evitare il monouso!”.

Nel 2020 Ami riprenderà anche l’attività di pulizia delle spiagge dalla plastica a cui si aggiunge l’accordo recentemente chiuso con la Guardia costiera del Lazio che darà il suo contributo per aiutare a pulire il mare.

Un approccio che coinvolge le aziende

Un approccio partecipato che coinvolge anche aziende che con il monouso hanno poco a che fare come il caso di Leovegas. “Abbiamo deciso di partecipare alla sensibilizzazione di un tema all’ordine del giorno, ideando una promozione ad hoc in cui i nostri giocatori avevano la possibilità di giocare ad alcuni giochi messi a disposizione dalla nostra piattaforma on line” spiega a Canale Energia Stefano Macchia, marketing manager, dell’azienda: “abbiamo quindi devoluto l’equivalente delle vincite dei nostri giocatori alla raccolta dei rifiuti plastici”.

Il risultato è stato incoraggiante: “Abbiamo totalizzato l’equivalente di mille kg di rifiuti raccolti, grazie ai 4mila euro raccolti dai nostri utenti”. Macchia ci anticipa anche che l’azienda sta guardando a livello globale all’impatto ambientale e sta pensando a nuove iniziative; insomma il settore privato è sempre più green.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE ed è il direttore editoriale del Gruppo Italia Energia dal 2014.