olimpiadi

Le Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino saranno le più green di sempre. Tre settimane prima dell’inizio dei Giochi, che prendono il via il 4 febbraio, è stato presentato dal Comitato olimpico il Rapporto sullo sviluppo della sostenibilità che descrive in dettaglio come la kermesse cinese presenta i progressi compiuti in termini di visione, obiettivi, misure e risultati.

Secondo i dati contenuti nel rapporto, nel 2021 la concentrazione di PM2,5 e altri inquinanti nella capitale cinese ha soddisfatto per la prima volta gli standard nazionali di qualità dell’aria, segnando una pietra miliare nella guerra contro l’inquinamento atmosferico del Paese asiatico. È previsto l’uso dell’anidride carbonica come refrigerante in quattro impianti di sport sul ghiaccio per ridurre le emissioni di 900 tonnellate.

Olimpiadi a emissioni zero: sedi sportive 100% rinnovabili

Gli organizzatori hanno ribadito che l’evento sarà a emissioni zero, con progetti di ponti forestali a Pechino e Zhangjiakou. Tutte le sedi olimpiche saranno alimentate da energia rinnovabile. Nel rapporto viene evidenziato anche l’uso del risparmio energetico e dell’energia pulita per la mobilità che riguarda tutte le autovetture e l’84,9% di tutti i veicoli per i Giochi. In particolare, si contano oltre 800 veicoli alimentati a idrogeno, 370 veicoli elettrici puri, 500 veicoli alimentati a gas naturale, 1.807 veicoli ibridi.

Per oltre sei anni, il Comitato organizzatore delle Olimpiadi invernali di Pechino ha implementato il concetto di hosting olimpico verde, condiviso, aperto e pulito.

Il rapporto, presentato il 13 gennaio scorso, è suddiviso in quattro capitoli:

  1. Gestione sostenibile delle Olimpiadi invernali di Pechino.
  2. Costruire un bellissimo sfondo cinese per le Olimpiadi invernali.
  3. Aggiungere potere allo sviluppo regionale.
  4. Raccogliere forza per il progresso sociale.

Anche se gli sforzi per raggiungere la neutralità dal carbonio devono ancora affrontare molte sfide, soprattutto per quanto riguarda la regione Pechino-Tianjin-Hebei, la redistribuzione flessibile dell’elettricità generata dall’energia eolica e solare a Zhangjiakou consente alle sedi sportive di utilizzare il 100% di energia rinnovabile. Insieme ai progressi nella mobilità, la sostenibilità è stata messa in evidenza nella promozione delle Olimpiadi e ha avuto origine da anni di continui progressi incrementali nella transizione energetica e nella protezione dell’ambiente.

Riduzione dell’impatto sugli habitat naturali

Particolare attenzione è stata riservata alla gestione sostenibile dell’acqua e all’energia per l’innevamento artificiale. Il rapporto di sostenibilità riflette queste sfide e propone alcuni esempi a modello oltre che nuove considerazioni sul tema. Nel complesso, la costruzione e il funzionamento degli impianti per gli sport invernali segue gli standard più aggiornati per l’ubicazione e la costruzione in relazione ai rischi per l’ambiente, l’ecologia, il cambiamento climatico e la gestione circolare dei rifiuti.

Gli organizzatori affermano nel rapporto che i piani per il Villaggio olimpico di Yanqing sono stati adeguati per preservare 127 alberi autoctoni e 11.027 piante sono state trapiantate dal cluster in aree di conservazione. Nella regione sono stati creati più di 600 nidi artificiali per alleviare l’impatto delle costruzioni sugli uccelli.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.