bollette consumatoriRilanciare la negoziazione paritetica, rafforzare lo strumento di risoluzione delle controversie e la fiducia dei consumatori per migliorare il dialogo tra aziende e associazioni consumeristiche. Con questo intento oggi sette aziende del comparto energetico, idrico e teleriscaldamento e 20 associazioni del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti (Cncu) hanno siglato un accordo per istituire un protocollo unico per la conciliazione paritetica.

Cosa prevede l’accordo sulla conciliazione paritetica

L’intesa vuole estendere la conciliazione ai servizi di fornitura di energia elettrica e gas, anche al settore idrico e al teleriscaldamento per evitare ai consumatori di ricorrere a procedimenti giudiziari spesso lunghi ed onerosi. Negli ultimi cinque anni, lo scambio periodico di conoscenze è proseguito spontaneamente tra gli operatori e l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera).

La lista dei promotori

I promotori sono: A2A, Acea, Edison, Enel, Eni gas e luce, E.ON, Iren e dalle 20 associazioni di consumatori del Cncu Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Associazione utenti dei servizi radiotelevisivi, Asso-consum, Assoutenti, Casa del consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Ctcu Alto Adige, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega consumatori, Movimento consumatori, Mdc–Movimento difesa del cittadino, U.di.Con. – Unione difesa consumatori, Unc – Unione nazionale consumatori.

Leggi anche Servizio conciliazione, per 45 gestori idrici arriva l’obbligo di iscrizione

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.