olio di sansaÈ stato inaugurato il 25 settembre ad Andria, in Puglia, l’impianto in grado di produrre energia termica ed elettrica esclusivamente con la sansa di olive, materiale organico frutto della molitura. Bts biogas, con la collaborazione dell’impresa AB, si è occupata della progettazione e della costruzione per Agrolio, azienda produttrice di olio extra vergine di oliva.

Leggi anche Sansa, la biomassa che valorizza la filiera corta italiana

Come funziona l’impianto alimentato al 100% da sansa di olive

L’impianto, si legge nella nota stampa diffusa da Bts biogas, è uno dei primi in Europa alimentato al 100% con questo combustibile alternativo. È in grado di ottimizzare il processo di fermentazione della sansa nel digestore.

Il biogas prodotto alimenta un impianto di cogenerazione da 500 kW, della linea Ecomax bio fornito da AB. Il digestato rientra nel ciclo vegetale della produzione olivicola per migliorarne la qualità.

Per consentire la digestione ottimale sono effettuati costanti rilevamenti e interventi con soluzioni innovative. Sono state molteplici le analisi effettuate nell’arco dell’ultimo anno, quando l’impianto è entrato in funzione, per raccogliere i dati della sansa in ingresso e delle frazioni solida e liquida del digestato.

Sostegno alla produzione dell’olio circolare e sostenibile

Un lavoro a sostegno dell’“eccellenza italiana dei produttori dell’olio”, commenta in una nota stampa Franco Lusuriello, ceo Bts biogas. Impianti di questo tipo, ha proseguito, “sono una soluzione efficace e sostenibile per la gestione delle sanse d’oliva e la produzione di energia e combustibili rinnovabili”.

Inoltre, sono “il tassello mancante per chiudere il nostro sistema di produzione sostenibile e basato sull’economia circolare”, hanno aggiunto Savino e Vincenzo Agresti, titolari del gruppo F.lli Agresti.

“Questo impianto rappresenta un ottimo esempio di economia circolare e di biogas fatto bene – conclude Angelo Baronchelli, presidente di ABAttraverso la cogenerazione alimentata a biogas i sottoprodotti e gli scarti delle attività agro-industriali possono infatti generare elettricità e calore che le aziende utilizzano per essere maggiormente efficienti energeticamente ed economicamente”.

Leggi anche Martucci eletto presidente della Federazione europea olio di sansa

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.