distillerie
foto da Wikipedia (Autore Grappacom)

Economia circolare e distillerie, un binomio vincente che ogni anno consente la lavorazione di tonnellate di materie prime agricole, come cereali, frutta, vino e vinacce,  trasformati in numerosi altri prodotti. Basti pensare che  solo le cantine vinicole conferiscono alle distillerie un milione di tonnellate di sottoprodotti.

Distillerie, industria sana e sostenibile

Il settore punta molto sulla sostenibilità promuovendo la scelta di materie prime agricole, la valorizzazione dei residui, le produzioni diversificate, l’energia elettrica da fonti rinnovabili, il biogas, il bioetanolo e il biometano.  “E’ questo il concetto di economia circolare – ha spiegato in una nota Antonio Emaldi, presidente di AssoDistilche si cala perfettamente nello scenario produttivo delle nostre imprese virtuose”.

Si tratta in realtà di un settore complesso – ha sottolineato Emaldi – che genera un’economia ecologicamente e socialmente sostenibile: tutto ciò che entra in distilleria viene trasformato in molti prodotti di uso quotidiano”.

Se analizziamo nello specifico i numeri legati all’ambito energia emerge come – attraverso la combustione e la digestione dei residui della distillazione – le distillerie arrivino a produrre quasi 300.000 Mwh all’anno di energia elettrica

Bioetanolo e acido tartarico

Tra le novità del comparto troviamo il bioetanolo, biocarburante avanzato di origine vegetale, la cui matrice sono sottoprodotti e colture agricole dedicate, quindi non utilizzabili in alimentazione, umana o animale. “Proprio perché riteniamo che questo biocarburante possa aprire grandi possibilità al settore  – ha spiegato il presidente Emaldi – abbiamo creato una nuova sezione di AssoDistil dedicata al bioetanolo”. Secondo dati di AssoDistil la capacità produttiva delle aziende italiane per il bioetanolo è  pari a 215mila tonnellate l’anno.

Per quanto riguarda invece l’acido tartarico, come si legge nella nota di Assodistil, l’associazione sottolinea come quello naturaleMade in Italy” si trovi a contrastare l’invasione del concorrente prodotto in Cina, derivato dal benzene o dal butano. “Occorre modificare la normativa a livello UE – ha messo in guardia Antonio Emaldi – differenziando la denominazione del nostro additivo. L’export di acido tartarico sintetico cinese ha raggiunto un volume pari all’intera produzione europea di quello naturale”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.