Qualità dell’aria a scuola: a che punto siamo? I risultati del progetto Qaes

Tecnologie e soluzioni per migliore l'ambiente indoor nelle classi scolastiche: i risultati del progetto Qaes negli istituti di Alto Adige e Ticino. Intervista al project manager, Carlo Battisti

449

Una buona qualità dell’aria a scuola è il risultato di un processo che coniuga l’adozione di corrette soluzioni per l’abbattimento degli inquinanti e il monitoraggio attivo delle concentrazioni dei composti. Questi aspetti sono intrinsecamente legati alla gestione del rischio negli ambienti scolastici, in modo da mettere in sicurezza il più possibile l’attività didattica, lo sviluppo cognitivo e il rendimento degli studenti.

Partendo da questi propositi, i ricercatori del progetto Qaes hanno recentemente presentato i risultati di un’analisi sull’efficacia delle abitudini di comportamento e sull’uso di tecnologie idonee e performanti per migliorare l’indoor nelle classi, fornendo indicazioni preziose.

Canale Energia ha approfondito gli esiti del progetto con il consulente per l’innovazione sostenibile di Idm Südtirol Alto Adige e project manager di Qaes, Carlo Battisti.

Il problema della scarsa qualità dell’aria negli edifici scolastici è un tema ben noto già prima della pandemia da Covid-19: si pensi al fenomeno dell’esposizione alle polveri, a sostanze nocive volatili, virus e batteri. Dalle misurazioni da voi effettuate sulle 12 scuole campione dell’Alto Adige e del Ticino, cosa è emerso?

Quali sono le migliori soluzioni, secondo un approccio integrato, per garantire i migliori standard di salubrità e di sostenibilità ambientale nelle classi?

Secondo la vostra analisi, l’impiego delle migliori tecnologie e l’efficacia dei sistemi di monitoraggio attivi sono aspetti tra loro correlati. Va però tenuto conto della corretta gestione dell’edificio insieme ad altre variabili, come ci ha spiegato. In quest’ottica, il progetto Qaes quali strumenti e quali linee guida ha messo a punto per garantire una buona qualità dell’aria interna negli ambienti scolastici?

Leggi anche Biodiversità, cemento, scuola. Wwf: “Creare spazi verdi urbani diffusi”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Freelance nel campo della comunicazione, dell’editoria e videomaker, si occupa di temi legati all’innovazione sostenibile, alla tutela ambientale e alla green economy. Ha collaborato e collabora, a vario titolo, con organizzazioni, emittenti televisive, web–magazine, case editrici e riviste. È autore di saggi e pubblicazioni.