abitareverdeUn altro passo verso l’adozione del primo regolamento del verde e del paesaggio urbano di Roma Capitale. Con l’approvazione in giunta capitolina si raggiunge “un risultato storico”, commenta il sindaco Virginia Raggi in una nota stampa. Per la conclusione dell’iter autorizzativo bisognerà aspettare l’approvazione definitiva in Assemblea capitolina.

Le novità del regolamento

Il regolamento introduce importanti novità per il patrimonio verde pubblico e privato della città. Andrà a regolare la progettazione e la manutenzione del verde urbano, quali le aree verdi per parcheggi, le aree ludiche, il verde scolastico. Indicherà le corrette modalità operative per la gestione delle alberature e introdurrà norme per la tutela e la valorizzazione di queste aree e, in particolare, degli alberi di pregio quali scrigno di particolari caratteristiche botaniche e del valore sociale e culturale della città. In applicazione della Carta di Firenze, grande attenzione è rivolta anche alla difesa dei parchi e dei giardini di pregio storico, architettonico e ambientale. Negli allegati tecnici corredati al regolamento, frutto di workshop promossi con i principali esperti nazionali, sono contenute informazioni specifiche come quelle relative alla gestione dei pini di Roma.

Partecipazione di tecnici ed esperti

La misura, suddivisa in 67 articoli e 5 capitoli, è il “frutto di un intenso di lavoro partecipato e condiviso con gli addetti ai lavori”, prosegue in nota il primo cittadino.

“Grazie all’ausilio di tecnici e di esperti abbiamo individuato le migliori pratiche per una cura corretta del verde, disciplinando quindi le potature, i rinnovi delle alberate, la tutela delle piante durante i cantieri o scavi stradali – ha rimarcato in nota l’assessore alla Sostenibilità ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari – Abbiamo assistito di frequente a danneggiamenti di piante durante opere edilizie o infrastrutturali, con queste disposizioni dettiamo invece delle regole chiare a tutela del verde”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.