mobilità

I Comuni capoluogo delle città metropolitane, comprese quelle delle Regioni a statuto speciale, possono inviare la propria manifestazione di interesse per entrare a far parte dei primi tre progetti pilota di Mobility as a service for Italy (Maas). Le candidature al servizio innovativo di mobilità integrata e digitale sono aperte fino alle ore 15.00 del 29 ottobre 2021.

Il ministero per l’innovazione tecnologica e la Transizione digitale e il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili hanno congiuntamente avviato le iniziative in attuazione dell’investimento 1.4.6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Mobility as a service for Italy è finalizzato allo sviluppo di nuovi servizi alla mobilità, basati sul paradigma mobilità come servizio, da cui, appunto, Maas-Mobility as a service.

Più nel dettaglio, l’iniziativa prevede l’integrazione di servizi di trasporto pubblico e privato (treno, bus, metropolitana, bicicletta), accessibili all’utente finale attraverso un unico canale digitale. Questi servizi operano attraverso piattaforme digitali di intermediazione che abilitano diverse funzionalità e sono capaci di rispondere alle esigenze di mobilità urbana, dalla gestione dell’informazione alla programmazione, dalla prenotazione dei viaggi al pagamento unificato dei servizi fino alle operazioni post-viaggio.

Sistemi di mobilità interconnessi

L’iniziativa punta a promuovere la condivisione dei dati, la riutilizzabilità e l’interoperabilità dei sistemi di trasporto a partire dalle grandi città metropolitane, dove ci si aspetta che l’implementazione di soluzioni Maas generi i maggiori benefici.

  • La prima selezione, avviata con la manifestazione di interesse, intende individuare e finanziare tre progetti pilota in altrettante città metropolitane (che il bando identifica come città leader), nelle quali si prevede una più elevata probabilità di successo dei servizi Maas.
  • In un secondo momento, saranno selezionati altri sette progetti in aree “follower”, che saranno supportate dalle tre città leader e tramite co-finanziamento delle sperimentazioni.

Come proporre la manifestazione di interesse

I Comuni potranno inviare la propria manifestazione di interesse per entrare a far parte dei primi tre progetti pilota con un messaggio di posta elettronica certificata (pec) all’indirizzo: diptrasformazionedigitale@pec.governo.it, avendo cura di riportare nell’oggetto l’identificativo: “2021 – Progetto Maas4Italy”. Info sul sito del dicastero per l’innovazione tecnologica e la Transizione digitale.

Leggi anche Buoni mobilità: il Mite traccia il bilancio del programma 2020

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.