Le potenzialità dei droni nel settore della tutela ambientale sono molteplici. Si va dal monitoraggio di impianti energetici, all’ispezione o allo spargimento selettivo di fertilizzanti. Qui di seguito vediamo alcuni esempi concreti.

Dubai, droni a servizio della piantumazione di alberi

Negli Emirati arabi il fondatore dell’app Cafu (che consegna carburante su richiesta in caso di necessità) sta promuovendo un’iniziativa che punta a piantare nei prossimi due anni un milione di alberi di Ghaf sul territorio grazie ai droni.  L’idea è poi di estenderla, in caso di successo, a zone messe in ginocchio dagli incendi come l’Amazzonia e l’Australia. Già a dicembre si è iniziato a piantare 4000 semi tramite questi dispostivi che sfruttano algoritmi per selezionare la posizione migliore per la germinazione dei semi.

Droni a idrogeno per ispezioni di impianti idroelettrici

Si chiama invece Hycopter il drone elettrico a idrogeno che, grazie a oltre 30 minuti di autonomia, risulta altamente performate nelle ispezioni aeree su grandi aree o su siti di grandi infrastrutture come le dighe idroelettriche. Ad alimentare il drone è una cella a combustibile da 1500 W chiamata Aerostak. Il dispositivo è in grado di raccogliere una serie di immagini poi caricate sulla piattaforma cloud d H3 Zoom. Lo step successivo è l’elaborazione da parte di un algoritmo che traduce i dati grezzi in rapporti di ispezione. Il sistema sa identificare nell’immagine le eventuali anomalie contrassegnandole su un modello 2D / 3D della struttura ispezionata per poi classificarli per livello di gravità. Il progetto è frutto della collaborazione di tre aziende: EPH Engineering, HES Energy Systems e H3 Zoom.

Agricoltura e soccorso in caso di calamità

Oltre agli ambiti sopra citati i droni possono avere un ruolo chiave nella mappatura di aree naturali a rischio e nella raccolta e monitoraggio di dati meteorologici. Rilevanti sono poi le potenzialità per l’assistenza e il soccorso in caso di calamità e in campo agricolo. In quest’ultimo ambito i droni servono a creare mappe di applicazione mirata di concimi in modo da ridurre la quantità di prodotto usato, in quanto si selezionano le piante su cui intervenire.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.