La visione di Cnel e Sima per città più sostenibili

400
inquinamento città sostenibili
foto Pixabay

Trasformare le nostre città in ecosistemi sostenibili di promozione del benessere. Questo il progetto di un convegno organizzato lo scorso 5 maggio dall’Osservatorio delle politiche urbane e territoriali del Cnel. Ha collaborato anche la Società italiana di medicina ambientale (Sima).

Ecosistemi, ambiente e salute

Una giornata di confronto dal titolo “Ecosistemi di prossimità e salute. Ambiente, salute e benessere per una nuova normalità”. Focus centrale è il benessere delle nostre città. Si confrontano, infatti, esperti di varie discipline.

I relatori: politica e scienza finalmente d’accordo

Il coordinatore dell’Osservatorio Cnel, Saverio Mecca, ha fatto gli onori di casa. Presenti, inoltre, la direttrice dell’Unità qualità della vita della Commissione europea, Veronica Manfredi e la direttrice del Dipartimento ambiente salute e clima dell’Oms Maria Neira. Infine, l’ad dell’International well building institute (Iwbi), Rick Fedrizzi.

La stretta connessione tra salute pubblica, pianificazione urbana e tutela dell’ambiente gioca un ruolo decisivo nella promozione di stili di vita sani e nella prevenzione di numerose patologie croniche“, ha ricordato il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

Buona organizzazione dell’assetto urbano, miglioramento della viabilità, creazione di spazi verdi, piste pedonali e ciclabili, riqualificazione di aree degradate, monitoraggio della qualità dell’aria. Sono misure efficaci per ridurre contestualmente disagio sociale e insorgenza di malattie”. Conclude così il politico.

Il presidente Sima Alessandro Miani conferma e aggiunge: “Le nostre città sono chiamate a riconvertirsi in ‘ecosistemi di prossimità’ urbana e territoriale. Strettamente collegati al benessere di chi le abita.

Le città non sono sufficientemente sostenibili e resilienti da ridurre efficacemente l’accelerazione dell’aumento di CO2, della temperatura media della superficie del pianeta. Diventa sempre più chiaro che – per un futuro che è già presente – le politiche urbane e territoriali (incluso l’efficientamento energetico degli edifici) rappresentano la chiave di volta per aumentare il livello di benessere e salute dei cittadini. Auspica il dirigente.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.