porto di Ravenna
foto Pixabay

Sottoscritta l’intesa tra l’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico centro settentrionale e Sogesid, società “in house providing” dei ministeri della Transizione Ecologica e delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, per accelerare gli interventi ambientali e infrastrutturali nel porto di Ravenna.

Gli interventi previsti nel Porto di Ravenna

Per tre anni, Sogesid si occuperà dell’infrastrutturazione portuale, della bonifica e riqualificazione ambientale. Tutte attività finalizzate a dare nuovo slancio all’unico scalo dell’Emilia Romagna strategico per via dei flussi commerciali tra Italia, Mediterraneo orientale e Mar Nero.

Sogesid si occuperà di: realizzare piani di caratterizzazione di fondali o aree a terra, monitorare e gestire i rifiuti, espletare procedure di valutazione ambientale, così come sviluppare modelli di flusso e verifiche della progettazione.
Inoltre, svolgerà la direzione dei lavori negli interventi di competenza dell’Autorità e qualora fosse necessario svolgerà compiti procedurali per l’affidamento agli operatori economici.

Come spiegato nella Convezione, nel programma dell’Autorità Portuale sono contemplati una serie di interventi di grande infrastrutturazione. Tra cui: nell’ambito del progetto Ravenna Port Hub, “l’approfondimento dei canali Candiano e Baiona a -14,5 metri”, con la “realizzazione e gestione di un impianto di trattamento di materiali di risulta dall’escavo” e “una stazione di cold ironing a Porto Corsini al servizio del Terminal Crociere”.

Referenti delle attività sono gli ingegneri Enrico Brugiotti, dirigente di Sogesid, e Fabio Maletti, direttore tecnico dell’Autorità.

“Come già accade in realtà come Brindisi, Taranto, ma anche Messina e più recentemente Ancona”, spiega in nota il presidente e ad di Sogesid, Carmelo Gallo,la società affiancherà l’Autorità portuale che gestisce lo strategico scalo emiliano – romagnolo. L’obiettivo, per quello che ormai è diventato un asset della nostra società, è accompagnare il percorso di rilancio infrastrutturale, fissato con grande chiarezza dal Presidente Rossi, con competenze che consentano di velocizzare le procedure senza disperdere energie e risorse economiche”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.