Strade più silenziose grazie all’impiego di gomma e polverino riciclati dagli pneumatici fuori uso (Pfu). La conferma, ulteriore, arriva con l’articolo pubblicato su Sciencedirect.com e scritto dagli scienziati dell’Arpat, dell’Istituto per i Processi Chimico Fisici del Cnr (Cnr-Ipcf), dell’Ipool, lo spin-off Cnr-Ipcf, e del Dipartimento di Fisica dell’Università di Pisa.

Prevedere il consumo dell’asfalto

Gli scienziati usano un approccio innovativo per indagare le cause dell’invecchiamento sonoro tenendo conto di tre fattori: il tipo di pavimentazione, il carico dovuto al traffico e le condizioni climatiche. Con il modello matematico di regressione logaritmica sarà possibile prevedere l’invecchiamento acustico delle superfici gommate degli asfalti. La ricerca è stata condotta su tre differenti classi e tipologie di pavimentazione e ha analizzato il metodo di miscelamento “wet” in cui la gomma viene aggiunta al bitume prima degli aggregati lapidei.

Questo tipo di pavimentazioni silenziose, già impiegate e studiate in Italia, rappresenta un’efficiente tecnologia per la superficie stradale in termini di riduzione del rumore del traffico.

Inquinamento sonoro in città

Il rumore provocato dallo sfregamento tra gli pneumatici e la pavimentazione stradale è una delle principali fonti di inquinamento cittadino. “L’uso di pavimentazioni silenziose rappresenta una soluzione ideale per mitigare il rumore del traffico, perché agisce sulla fonte, producendo un beneficio diffuso per tutte le abitazioni vicine alla strada e il calo del numero di persone infastidite”, si legge nell’estratto dell’articolo.

Con questo modello matematico sarà possibile conoscere in anticipo, attraverso il design acustico della pavimentazione (Pad), la misura del peggioramento e della durata delle prestazioni acustiche della pavimentazione. L’inquinamento acustico, infatti, aumenta con l’usura e l’invecchiamento del manto stradale ed è legata alla morfologia superficiale, alla porosità e allo spessore che modificano le proprietà meccaniche, volumetriche e superficiali.

La previsione del consumo dell’asfalto è un criterio che gli scienziati ritengono essenziale per favorire l’adozione delle pavimentazioni silenziose da parte di amministrazioni ed enti pubblici e per ottimizzare il design acustico della pavimentazione. Ad oggi sono impiegate pavimentazioni drenanti fonoassorbenti, contenenti gomma, poroelastiche, strati sottili o sottilissimi con tessitura ottimizzata per cercare di ovviare a questo inconveniente.

Vendita in crescita per gli pneumatici ricostruiti

Importante sottolineare che nel 2018 la vendita in Europa degli pneumatici ricostruiti è cresciuta di oltre il 2 per cento (dati Etrma, Associazione europea dei produttori di pneumatici e articoli in gomma). “È una notizia di grande interesse per il mercato europeo del pneumatico ricostruito, che torna a registrare il segno positivo in termini di vendite dopo sei anni consecutivi di calo. Ad incidere sulla crescita è stata l’entrata in vigore nel 2018 dei dazi europei sulle importazioni di pneumatici nuovi e ricostruiti per autobus o autocarro dalla Cina”, ha commentato in una nota stampa l’Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici (Airp).

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.