veicoli elettrici

Il presidente statunitense Joe Biden, i dipartimenti dei Trasporti (Dot) e dell’Energia (Doe) hanno annunciato la dotazione di 5 miliardi di dollari (circa 4.560 miliardi di euro) in cinque anni per lo sviluppo della rete nazionale di ricarica di veicoli elettrici.

Il superfinanziamento rientra nell’ambito del nuovo programma National Electric Vehicle Infrastructure (Nevi) Formula istituito dalla legge sulle infrastrutture del presidente americano: “Un passo importante per rendere la ricarica dei veicoli elettrici accessibile a tutti gli americani”, si legge nella nota stampa del Doe.

Un’infrastruttura di ricarica per gli Stati Uniti

Il programma di cinque anni aiuterà gli Stati Uniti a creare una rete di stazioni di ricarica per veicoli elettrici lungo i corridoi per combustibili alternativi, in particolare lungo il sistema autostradale interstatale. I singoli Stati sono tenuti a presentare un piano di distribuzione delle infrastrutture prima di poter accedere ai fondi. Un secondo programma di sovvenzioni competitivo, progettato per aumentare ulteriormente l’accesso alla ricarica dei veicoli elettrici nelle località di tutto il Paese, comprese le comunità rurali e svantaggiate, sarà annunciato entro la fine dell’anno.

Intanto, il Doe ha pubblicato il primo piano completo per garantire la sicurezza e aumentare l’indipendenza energetica degli Stati Uniti. L’ampio rapporto, La strategia americana per proteggere la catena di approvvigionamento per una robusta transizione verso l’energia pulita, pone una base industriale del settore energetico nazionale sicura, resiliente e diversificata che “stabilirà il ruolo dell’America come leader globale nella produzione e innovazione di energia pulita”, si legge nella nota.

Leggi anche Energia e ambiente: un anno di amministrazione Biden

Incentivare veicoli elettrici e filiera

Oltre a stimolare la creazione di posti di lavoro e la crescita economica, queste strategie per investire e rafforzare le catene di approvvigionamento aiuteranno a combattere l’inflazione e a ridurre i costi per le famiglie e le imprese americane.

Il rapporto è stato prodotto in risposta all’ordine esecutivo del presidente Biden, America’s supply chains, ed è supportato da 13 valutazioni approfondite della catena di approvvigionamento in tutto il settore energetico, dall’energia solare ai semiconduttori alla sicurezza informatica. In concomitanza con la legge sulle infrastrutture, il rapporto del Doe riassume come gli Stati Uniti possono cogliere l’opportunità economica inerente alla transizione del settore energetico, costruire una base di produzione energetica e forza lavoro nazionale di livello mondiale.

Il rapporto include anche più di 20 raccomandazioni per l’azione del Congresso relative alla catena di approvvigionamento energetico, tra cui:

  • promulgare una legislazione per fornire incentivi fiscali e sostenere produzione e distribuzione di energia pulita domestica, compresi gli incentivi per la costruzione di nuove strutture e per il funzionamento in corso di tali strutture.
  • fondi adeguati per stabilire partenariati settoriali a livello regionale e statale e apprendistati registrati per reclutare, formare e inserire i lavoratori nelle carriere necessarie per le catene di approvvigionamento nazionali.

Leggi anche Gas serra, Biden: “Taglio emissioni Usa del 52% entro 2030”

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.