Rinnovabiliok 1024x455

Le economie dell’Europa centrale e sudorientale potrebbero nel giro di un decennio arrivare a coprire il 34% della loro crescente domanda di energia grazie alle rinnovabili. A dirlo è un report realizzato dall’Irena. Lo studio ha analizzato i dati contenuti nella roadmap per le energie rinnovabili. Presentata all’inizio di ottobre dai ministri dei paesi dell’Europa centrale e sudorientale in occasione dell’incontro del gruppo di lavoro ad alto livello dedicato a questi stati.

Con le Fer risparmi per 3 miliardi di euro entro il 2030

Irena ha evidenziato come, in base a questi numeri, “l’adozione delle energie rinnovabili nella regione potrebbe far risparmiare ai cittadini di questi stati circa di 3 miliardi di euro all’anno in costi energetici nel 2030”.

Benefici totali fino 35 mld all’anno entro il 2030 grazie alle Fer

Secondo l’agenzia, il valore economico dei danni evitati alla salute, all’ambiente e al clima “potrebbe spingere i benefici totali per la società fino a 35 miliardi di euro all’anno nel 2030”.

Transizione energetica, necessari ulteriori 78 mld

Irena ha valutato che per arrivare ad avere un sistema energetico meno dipendente dai combustibili fossili e allo stesso tempo più competitivo saranno necessari altri 78 mld di investimenti da qui al 2030.

Riduzione delle emissioni

Questo passaggio alle fer comporterebbe ingenti vantaggi anche in termini di riduzione delle emissioni di gas serra. Il calo arriverebbe al 21%.

Irena

“L’enorme potenziale delle rinnovabili”

“L’Europa centrale e sudorientale ha un enorme potenziale per le energie rinnovabili”, afferma in nota il direttore generale di Irena Francesco La Camera. “Le energie rinnovabili – aggiunge – possono ridurre la bolletta energetica della regione a vantaggio dei cittadini e dell’industria. Migliorando la sicurezza energetica, la qualità dell’aria e allineando la regione agli obiettivi di decarbonizzazione a lungo termine dell’accordo di Parigi. Le energie rinnovabili forniscono anche ai paesi una via d’uscita economica dai combustibili fossili e verso un futuro energetico moderno, resiliente e sostenibile”.

Con investimenti nelle Fer vantaggi “significativi”

“I vantaggi dell’investimento nelle energie rinnovabili in questo momento di ripresa sono significativi per l’economia, i consumatori e l’ambiente”, sottolinea in nota Kadri Simson, commissaria europeo per l’Energia .

“Come evidenziato dal rapporto Irena, concentrarsi su energia solare, eolica e idroelettrica creerebbe posti di lavoro verdi a livello locale. E consentirebbe alla regione di guadagnare da una più stretta cooperazione energetica“, conclude Simson.

Leggi anche Energie rinnovabili e turismo sostenibile: il futuro in una fiera virtuale

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.