Il Commissario straordinario unico per la depurazione delle acque, Enrico Rolle, lo scorso 8 maggio ha fatto il punto sullo stato delle attività di bonifica in Commissione bicamerale Ecomafie, presieduta dal deputato Stefano Vignaroli. “Le attività sono già in corso in tutti i 104 agglomerati affidati alla struttura commissariale: secondo i nostri cronoprogrammi, entro il 2019 tutte le gare di progettazioni saranno bandite, entro il 2020 lo saranno tutte le gare di lavori e probabilmente verranno avviate anche tutte le opere – afferma in una nota stampa Rolle – Ad oggi abbiamo bandito 80 gare per indagini di progettazione e lavori per un valore di oltre 170 milioni di euro, 48 di queste sono concluse, 43 invece sono i contratti stipulati”.

La situazione in Calabria

Fabio Trezzini, componente della struttura commissariale, ha delineato il quadro presente in Calabria, come richiesto dalla Commissione Ecomiafie. Sono 13 gli agglomerati in infrazione. Cinque sono sotto diretta attuazione della struttura: Reggio Calabria, Acri, Castrovillari, Crotone e Montebello Jonico. Gli otto rimanenti sono solo coordinati dalla struttura: Bagnara Calabra, Mesoraca, Motta San Giovanni, Cosenza-Rende, Rossano, Sellia Marina, Siderno e Soverato. “Dopo la Sicilia è la Regione con il maggior numero di interventi da realizzare: interloquiamo con la Regione e accompagniamo gli enti locali, con le complessità note che derivano da una mancanza di gestori del servizio idrico e da una pianificazione d’ambito ancora incompiuta”, evidenzia Rolle in nota. In passato la Regione ha fatto ricorso allo strumento del project financing per la realizzazione delle opere, ma la scelta “ha caratteristiche potenzialmente onerose per le amministrazioni”, evidenzia il Commissario, “e non ha contribuito in modo determinante a risolvere i problemi della gestione”.

Le due nuove procedure di infrazione

In merito alle due nuove procedure di infrazione per cui l’Italia è stata condannata dalla Corte di giustizia europea (cause C-565/10 e C-85/13) ha affermato di valutare “positivamente l’opportunità di una presa in carico anche di questi interventi, ma già oggi gli attuali poteri del Commissario non sono sufficienti”. Rolle auspica d’avere “potere d’ordinanza sugli enti locali per ottenere il rilascio in tempi contenuti dei pareri di competenza, quali quelli sulla valutazione di impatto ambientale o sulla verifica di assoggettabilità”. Il testo che consentirebbe di allargare i poteri del Commissario, evidenzia lo stesso Rolle, “sta girando da molto tempo”, ma oggi “l’unica cosa certa è che ha trovato spazio nel Ddl ‘Cantiere Ambiente’ del ministero dell’Ambiente, che ha ovviamente tempi non brevi di approvazione”.

Le risorse necessarie

Oltre alla mancanza di potere, Rolle lamenta anche la mancanza di risorse e richiede “l’integrazione di 300 milioni di euro sul fondo per gli investimenti” da oggi fino al 2023.

Leggi anche A La Spezia la depurazione delle acque è a basso consumo energetico

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.