carabinieri

Il comandante generale dei Carabinieri, Teo Luzi, e il presidente di Enel Italia S.p.A., Carlo Tamburi, hanno sottoscritto il 30 novembre un impegno che vedrà l’Arma collaborare con la multiutility dell’energia alla protezione dell’ambiente e delle risorse naturali, per la lotta ai cambiamenti climatici e per uno sviluppo economico sostenibile.

Secondo i termini del protocollo, particolare attenzione sarà dedicata anche alla tutela delle reti e delle infrastrutture elettriche, alla protezione del personale preposto alla loro gestione e al patrimonio aziendale.

Carabinieri e Enel insieme per l’ambiente

L’intesa punta a valorizzare la presenza dei Carabinieri e di Enel, come punto di partenza per azioni congiunte: “Il nuovo modello di sicurezza partecipata, che insieme intendono perseguire, permetterà di affrontare congiuntamente le complesse problematiche connesse alla salvaguardia del territorio”, si legge nella nota stampa.

A tale scopo, l’Arma coinvolgerà i reparti delle organizzazioni Speciale e Forestale, con particolare riferimento ai comandi Carabinieri per la tutela Ambientale e la Transizione ecologica, nonché per la tutela della Biodiversità e dei Parchi. Enel, da parte sua, garantirà un tempestivo scambio informativo sulle situazioni di interesse per i Carabinieri, segnalando eventuali criticità ambientali con particolare attenzione alla prevenzione degli incendi boschivi.

Efficientamento energetico e sviluppo della mobilità sostenibile

L’intesa prevede inoltre progetti di efficientamento energetico delle strutture in forza alll’Arma sul territorio nazionale e per lo sviluppo della mobilità sostenibile.

“Lo sviluppo di una nuova forma di collaborazione con una prestigiosa istituzione come l’Arma dei Carabinieri è in linea con il nostro impegno per la sostenibilità e ci permetterà di garantire maggiore sicurezza alle donne e agli uomini che lavorano in Enel e alle infrastrutture aziendali che garantiscono un servizio essenziale per l’intera Comunità”, commenta nella nota stampa il presidente di Enel Italia S.p.A., Carlo Tamburi.

I Carabinieri, come prima forza di polizia ambientale in Europa, hanno tra le loro priorità assolute la tutela dell’ambiente e della legalità, priorità oggi condivise formalmente anche con Enel” ha sottolineato nella nota il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A., Teo Luzi.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.