La Legislatura termina nel segno dell’energia e dell’ambiente

Via libera definitivo all’Aiuti-Bis. I richiami della commissione d’inchiesta sui consumatori per bollette e mercato libero

200

Le Camere sono convocate “a domicilio”. Ciò significa che le aule parlamentari potranno tornare a riunirsi solo in caso di particolari necessità, mentre le commissioni possono portare avanti alcune attività.

Prima del “rompete le righe”, martedì il Senato (con 178 voti favorevoli, nessuno contrario e 13 astensioni) ha definitivamente approvato il Ddl n. 2685-B di conversione, con modificazioni, del DL 115 recante misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali (meglio noto come Aiuti-Bis).

La commissione d’inchiesta sui consumatori

In questo modo la Legislatura si chiude nel segno della crisi energetica e ambientale, ancor più se si leggono alcuni passaggi della relazione (pubblicata questa settimana) della commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti.

“Sul tema attualissimo dell’aumento dei prezzi di materie prime, energia e carburanti, al netto sia degli interventi di tipo immediato e temporaneo volti a contenere le ricadute dirette sugli utenti, sia delle scelte di collocamento geopolitico e di politiche di programma di medio e lungo periodo di livello nazionale e sovranazionale, resta l’esigenza di monitorare con tutti gli strumenti necessari l’andamento dei prezzi, con particolare riferimento a eventuali dinamiche speculative e ai comportamenti scorretti o distorsivi della concorrenza che possono essere presenti all’interno delle varie filiere”.

In questo ambito, rileva la commissione, “è certamente di particolare interesse, specie in ragione della congiuntura economica attuale e delle previsioni di medio periodo, il passaggio delicato della transizione dal mercato tutelato al mercato libero per i settori di gas ed energia, sui cui tempi e modalità sarà compito del legislatore svolgere le più opportune valutazioni, facendo comunque in modo di tutelare l’effettiva facoltà di scelta libera e consapevole degli utenti, anche attraverso la possibilità di un confronto effettivo dei prezzi proposti dai vari operatori”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Nato ad Avellino, giornalista professionista, laurea in comunicazione di massa e master in giornalismo conseguito all’Università di Torino. È direttore della rivista CH4 edita da Gruppo Italia Energia. In precedenza ha lavorato nel settore delle relazioni istituzionali e ufficio stampa, oltre ad aver collaborato con diversi media nazionali e locali sia nel campo dell’energia sia della politica. È vincitore di numerosi premi giornalistici nazionali e internazionali.