Le audizioni sul dissesto idrogeologico e le interrogazioni sul Superbonus e sulla raffineria Eni di Stagno (Livorno) sono alcuni dei temi al centro dell’attività parlamentare questa settimana.

Camera

Ambiente, audizioni sul dissesto idrogeologico

Sono andate avanti, anche questa settimana, in commissione Ambiente, le audizioni relative alle misure di contrasto al dissesto idrogeologico. Mercoledì sono stati sentiti rappresentanti dell’autorità di Bacino distrettuale del fiume Po, autorità di Bacino distrettuale delle Alpi Orientali, autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Settentrionale. Ma anche autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Centrale, autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Meridionale, autorità di Bacino regionale della Sardegna e autorità di Bacino del distretto idrografico della Sicilia. Sullo stesso tema sono intervenute davanti ala commissione anche l’Anbi, il Wwf e Legambiente. E ancora il Consiglio nazionale dei geologi, la società metereologica italiana (Smi). Giovedì, infine, sono stati ascoltati una serie di esperti.

Trasporti, audizione ministra De Micheli sulla Torino-Lione

Lunedì le commissioni riunite Trasporti della Camera e Lavori pubblici del Senato hanno sentito in audizione la ministra dei Trasporti, Paola De Micheli. L’intervento ha riguardato  l’esame dello schema di contratto di programma tra il ministero, Ferrovie dello stato italiane Spa e Tunnel euralpin Lyon Turin (Telt) Sas per il finanziamento, la progettazione e la realizzazione della sezione transfrontaliera della parte comune della nuova linea ferroviaria Torino-Lione. Mercoledì mattina è invece stato il turno dell’amministratore delegato e direttore generale del gruppo Ferrovie dello stato italiane, Gianfranco Battisti; del presidente dell’Osservatorio per la realizzazione dell’asse ferroviario Torino-Lione, Claudio Palomba e del direttore generale del Tunnel euralpin Lyon Turin (Telt), Mario Virano. Lo stesso giorno, nel pomeriggio, sono stati sentiti rappresentanti della regione Piemonte; il presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art), Nicola Zaccheo. Ma anche rappresentanti dell’Unione montana Val di Susa, del comune di Torino.

Audizioni sulle infrastrutture autostradali liguri

La commissione ha svolto, inoltre, martedì, in sede riunita con quella Ambiente, una serie di audizioni sulla manutenzione e la sicurezza delle infrastrutture autostradali liguri. Sono stati sentiti Enrico Valeri, direttore gestione rete di Autostrade per l’Italia Spa, Placido Migliorino, dirigente responsabile della direzione generale per la vigilanza sulle concessioni autostradali – autostrade del Centro Italia e della regione Liguria e Piemonte del Mit. E Paolo Cesare Odone, presidente di Confcommercio Genova e membro del Comitato salviamo Genova e la Liguria.

Audizioni su infrastrutture autostradali del Colle di Tenda

Lo stesso giorno le due commissioni hanno svolto anche una serie di audizioni sulle iniziative relative al tratto stradale del colle di Tenda. il tutto alla luce dei gravi danni subiti dall’infrastruttura a seguito dei recenti eventi atmosferici avversi. In particolare è stato sentito Massimo Simonini, amministratore delegato di Anas Spa.

Esame del golden power

Mercoledì, infine, i membri della commissione hanno lavorato sullo schema di decreto del presidente del Consiglio dei ministri sul regolamento per l’individuazione degli attivi di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni (atto n. 220).

Attività Produttive, dal regolamento sul gas al superbonus

La commissione Attività produttive ha lavorato, questa settimana, su diversi provvedimenti legati al mondo dell’energia. Ieri i parlamentari si sono occupati dello schema di decreto legislativo sull’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/1938. un provvedimento che contiene misure volte a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas e che abroga il regolamento (UE) n. 994/2010.

Mercoledì invece, la commissione ha lavorato su una serie di interrogazioni, tra cui tre riguardanti il settore energetico. La prima, 5-04478, è relativa al “superbonus” a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni e società sportive dilettantistiche. La seconda (5-04902) invece riguarda il futuro dell’impianto Eni di Stagno e la sua collocazione all’interno del percorso di transizione energetica del gruppo. La terza, infine, è inerente lo schema di decreto ministeriale sulle modalità e i criteri per un ingresso consapevole dei clienti finali nel mercato dell’energia ( Atto n. 231).

Ddl Bilancio in aula lunedì

E’ stato posticipato a lunedì 21 dicembre l’approdo in aula alla Camera del ddl Bilancio. A stabilirlo è stata la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. L’orario di inizio della discussione è fissato alle 11, mentre le votazioni si terranno non prima delle 15.

DL Ristori, domani il voto di fiducia

La Camera ha svolto la discussione sulle linee generali del disegno di legge di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, su ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 (C. 2828). Il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà – si legge sul sito della Camera,  “ha posto, a nome del Governo, la questione di fiducia sull’approvazione, senza emendamenti, subemendamenti e articoli aggiuntivi, dell’articolo unico del provvedimento, nel testo della Commissione, identico a quello approvato dal Senato. La fiducia sarà votata nella giornata di domani”.

Senato 

Approvazione DL ristori

Nella seduta del 15 dicembre l’Aula del Senato ha rinnovato la fiducia al Governo e ha  approvato l’emendamento interamente sostitutivo del ddl n. 1994, di conversione del decreto-legge n. 137. Il provvedimento, il cosiddetto Dl ristori, passa ora all’esame della Camera.

Rifiuti, audizione di Ispra

La commissione parlamentare di inchiesta sui rifiuti  ha svolto, in videoconferenza, l’audizione del direttore generale dell’Ispra, Alessandro Bratti, e dell’esperto del Dipartimento per il servizio geologico d’Italia Ispra, Fiorenzo Fumanti.

 

Ultimo aggiornamento giovedi’ 17 dicembre ore 18:00 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.