Giornata internazionale del risparmio energetico, aumentano i consumi domestici per il Covid-19

1020
efficienza energetica led consumi domestici
“BASTEREBBE STACCARE LA SPINA” opera di Marco Merlotti in gara per il concorso “Dai un taglio alla povertà energetica” indetto dall’Alleanza contro la povertà energetica

Oggi 18 febbraio è la Giornata internazionale del risparmio energetico, attenzione quindi ai consumi domestici. La ricorrenza è stata istituita il 16 febbraio 2005, in occasione dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto, per salvare il pianeta dai danni dei cambiamenti climatici.

Il 2021 accoglie la Giornata internazionale del risparmio energetico a valle di una pandemia che ha contratto i consumi più per indigenza della popolazione che per una reale strategia di contenimento. Ma il 2021 è anche l’anno che vedrà attuare il bonus 110% per l’Efficienza energetica negli edifici. Un anno quindi che può segnare una svolta importante nel risparmio energetico del Paese.

Un’attenzione che la proposta di Governo fatta dall’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi promette di tenere al centro della strategia del sistema Paese fino ed oltre il 2026.

Gli effetti del Covid-19 sui consumi domestici

Gli effetti del Covid-19 si sono sentiti con un certo impatto sui consumi domestici che sono aumentati sia per l’aumento della permanenza delle persone in casa, sia perché tale aumento del tempo in casa spesso è accompagnato da attività di smart working. Lavorare da casa può costare dai 68 ai 113 euro in più in bolletta a carico del lavoratore.

Dal primo marzo le nuove etichette energetiche

Intanto in soccorso delle famiglie arrivano le nuove etichette energetiche. Operative dal 1 marzo 2021 eliminano i vari simboli + e rimodulano i consumi dalla lettera A alla G. Non solo, l’Europa ha chiesto ai produttori uno sforzo di efficienza. Quindi la nuova A richiede una efficienza maggiore della vecchi A+++, per questo non sarà facile reperire subito elettrodomestici nel top della classifica di efficienza energetica, ma dobbiamo dare ai costruttori il tempo di perfezionarli.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.