Carlsberg Circolo Bovisa 2

Avviata oggi 7 giugno la fase di upcycling del progetto pilota di Carlsberg Italia denominata “Take back – Give back”, dedicato a dare nuova vita ai fusti di birra Draugthmaster, innovativo sistema di spillatura con fusto in Pet riciclabile e senza CO2 aggiunta.

Riciclare, riusare e reinventare sono i tre temi chiave per sensibilizzare i differenti stakeholder ad un uso più consapevole della plastica e, grazie a “Take back – Give back”, Carlsberg Italia ha recuperato i fusti esausti da selezionati clienti di Milano, raccogliendo oltre 1.300 kg di plastica. Questa plastica raccolta sarà destinata a progetti sociali che daranno nuova vita a questo materiale.

La fase di upcycling del progetto

Durante la fase di upcycling del progetto, i fusti saranno riutilizzati per la seconda edizione dell’iniziativa di economia circolare di quartiere “DaCosaNasceCosa” dell’associazione culturale “Repubblica del Design”, per la rigenerazione delle periferie milanesi con un distretto permanente in zona Lancetti-Dergano-Bovisa.

Gli oggetti di design a uso pubblico saranno realizzati grazie alla collaborazione tra Carlsberg Italia e “Design Differente”, fablab specializzato nella rigenerazione di materiali dai rifiuti.

Questa mattina, presso il circolo Bovisa, coinvolto nel progetto che ha messo a disposizione i suoi spazi e presso Via Grazioli 73, hub multidisciplinare sulla responsabilità ecologica e sul design del rifiuto, si è svolto un workshop con gli studenti di design del Politecnico di Milano e le diverse realtà, tra cui associazioni come BovisAttiva e Isola Revel, per ascoltare i bisogni dei cittadini. 

Serena Savoca, marketing & corporate affairs director di Carlsberg Italia,ha commentato: “Siamo orgogliosi di avviare questo progetto di economia circolare a base locale, perché è perfettamente in linea con il nostro scopo di produrre birre per un oggi e un domani migliori. Questo si concretizza in progetti che mettono la comunità e la sostenibilità al centro, con l’obiettivo di ridurre progressivamente il nostro impatto sull’ambiente e dare una seconda vita a potenziali rifiuti. Il workshop di oggi ci consente di porre le basi per un dialogo costruttivo con le istituzioni, le realtà locali e le aziende innovative, come Design Differente, investendo su attività di divulgazione ed educazione”.

Anita Pirovano, presidente del Municipio 9 ha dichiarato: “Bovisa è uno dei quartieri in maggiore trasformazione di Milano, che è riuscito a ripensarsi passando da una scala operaia-industriale a una vocazione universitaria, legata anche alla ricerca, al design e a un nuovo artigianato. Questo ripensamento può e deve cambiare anche lo spazio pubblico. Abbiamo infatti bisogno di luoghi di aggregazione dove le persone possano incontrarsi e riconoscersi, investendo sulla sostenibilità ambientale e sociale”.

Prossimamente designer ed esperti di “Design Differente” lavoreranno alla produzione degli oggetti che Carlsberg Italia donerà alla comunità del Municipio 9. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.