economia circolare

Il ministero per la Transizione ecologica ha pubblicato il 30 settembre i decreti con i criteri di selezione per i progetti relativi a: raccolta differenziata, impianti di riciclo e iniziative “flagship” per le filiere di carta e cartone, plastiche, Raee e tessili. Le risorse complessive ammontano a 2,1 miliardi di euro, di cui 600 milioni sono destinati alla realizzazione di progetti faro di economia circolare per le filiere industriali strategiche.

I provvedimenti, previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, destinano il 60% delle risorse sugli impianti di riciclo alle Regioni del Centro-Sud. Particolare attenzione è rivolta alla gestione della frazione organica con l’introduzione di nuove tecnologie.

Impianti innovativi per il riciclo dei rifiuti urbani

L’obiettivo è quello di adeguare il ciclo della raccolta differenziata ai nuovi obiettivi stabiliti dalla normativa UE. La quota massima di rifiuti urbani ammessi in discarica è al 10%, di contro il 65% è da riciclare. Gli investimenti comprendono misure di potenziamento, digitalizzazione e ammodernamento delle infrastrutture. Le tre linee di azione sono:

  1. infrastrutturazione della raccolta differenziata;
  2. introduzione di nuovi impianti per il riciclo;
  3. ottimizzazione della gestione dei flussi critici.

Focus sull’economia circolare con progetti faro

I provvedimenti finanziano progetti “faro” di economia circolare. Lo scopo è quello di favorire una maggiore resilienza del sistema produttivo nazionale. Saranno inoltre promossi tecnologie e processi ad alto contenuto innovativo.

Le quattro linee di intervento per iniziative “flagship”

Per raggiungere i target europei e rafforzare la filiera nazionale del riciclo sono previste quattro linee di intervento:

  • Ammodernamento e realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei Raee, comprese pale di turbine eoliche e pannelli fotovoltaici.
  • Ammodernamento e realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei rifiuti in carta e cartone.
  • Realizzazione di nuovi impianti per il riciclo di rifiuti in plastica, compresi quelli provenienti dalla raccolta a mare, marine litter.
  • Infrastrutturazione della raccolta delle frazioni di tessili pre consumo e post consumo.

I destinatari delle risorse messe a bando dal Mite sono gli enti di governo di ambito territoriale ottimale oppure, in alternativa, i comuni stessi.

Leggi anche Economia circolare, primato europeo per l’Italia tra luci e ombre

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.