cotone

Il brand di abbigliamento Ovs annuncia di puntare alla produzione di un filato di cotone interamente italiano, in partnership con l’azienda Santiva per la coltivazione a fibra lunga di altissima qualità e a ridotto consumo d’acqua. Si tratta di un nuovo importante obiettivo, dopo il traguardo del 2021 quando, secondo i Better cotton standard, ha raggiunto il 100% nell’approvvigionamento di cotone da fonti sostenibili (organico, riciclato o coltivato).

Cotone da filiera italiana

Il cotone, viene ricordato nella nota stampa del brand, è la materia prima più utilizzata da Ovs e rappresenta circa il 70% del totale dei materiali che compongono i capi. Oggi i più grandi produttori sono in India, Cina e Stati Uniti, ma non è sempre stato così: negli anni 50 veniva coltivato estensivamente anche in Italia.

Utilizzando tecniche dell’agricoltura organica, evitando il ricorso a fertilizzanti e pesticidi chimici e attingendo esclusivamente a piccoli bacini per l’irrigazione delle piante nei mesi più caldi, le pratiche di coltivazione utilizzate da Santiva tutelano la salute del suolo, diminuiscono il consumo d’acqua e rispettano la biodiversità: Inoltre coinvolgono diversi giovani agricoltori, rappresentando quindi una significativa occasione di crescita per l’economia locale, si spiega nella nota.

Leggi anche Cotone sostenibile: approvato come standard il “U.S cotton trust protocol”

Agricoltura organica, no pesticidi, no spreco d’acqua

Come evidenzia il brand, l’iniziativa rappresenta un modo per sostenere il made in Italy e riportare in Italia la produzione di una materia prima tanto importante nel settore dell’abbigliamento, garantendo la tracciabilità dell’intera catena di fornitura.

Lo scorso 22 aprile, in concomitanza con la Giornata mondiale della Terra, sono state seminate le piante di cotone acquistate da Ovs. La raccolta avverrà tra settembre e novembre 2022, rigorosamente a mano per preservare la qualità delle fibre e ridurre al minimo l’impatto produttivo, viene sottolineato nella nota. Il cotone sarà utilizzato a partire dalla primavera/estate 2023 per la produzione di circa 30.000 capi.

Leggi anche Cotone sostenibile: U.S. Cotton Trust Protocol entra a far parte della community Iseal

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.