rifiuti domesticiQuali sono i Paesi più “ricicloni” al mondo di rifiuti domestici? Raja, azienda che fornisce imballaggi, ha stilato la Top ten. La medaglia d’oro va alla Corea del Sud che recupera il 59% dei rifiuti domestici prodotti. Seguono la Germania, che raggiunge il 49,5% pari a 18.678,420 tonnellate l’anno, e la Slovenia, con il 42,5% di rifiuti avviati al riciclo.

I 10 Paesi più ricicloni al mondo (ton/anno)

riciclo rifiuti domestici
La classifica di Raja sui Paesi che più riciclano i rifiuti domestici *dati 2016 e 2017

Produzione rifiuti domestici

Oltre alla Top ten dei “più ricicloni, Raja ha stilato una classifica anche dei paesi con la maggior produzione di rifiuti domestici. L’analisi ha utilizzato i dati dell’Organisation for economic co-operation and development (Oecd) che raccoglie i dati dei 20 maggiori produttori mondiali di questa tipologia di scarto. Nel mondo vengono prodotte 60 ton di rifiuti domestici al secondo per un totale annuo di 2 miliardi di ton. Entro il 2050, stima l’azienda, la produzione crescerà del 70% e raggiungerà i 3,4 miliardi di ton.

In cima alla classifica dei Paesi con la maggiore produzione di rifiuti domestici ci sono la Germania, il Giappone e la Turchia.

I 10 Paesi con la maggior produzione di rifiuti domestici (ton/anno)

produzione rifiuti domestici
La classifica di Raja dei Paesi che producono più rifiuti domestici

Solo la Germania è in cima ad ambo le classifiche e mostra buone capacità di produzione, raccolta e avvio al recupero dei rifiuti. Di contro, il Giappone e la Turchia sono i paesi meno virtuosi. Il primo produce oltre 30 mln di ton e ne ricicla solo il 20%. La seconda produce 28,1 mln di ton e ne ricicla solo l’11%.

Consigli pratici

E’ buona norma evitare di produrre rifiuti, principio cardine della politica europea sull’economia circolare. Se proprio non è possibile agire con consapevolezza: ad esempio, al supermercato meglio scegliere prodotti sfusi e portare con sé una sportina riutilizzabile.

Per il conferimento dei rifiuti Raja offre qualche consiglio. Le aziende locale stabiliscono regole diverse per il conferimento dei rifiuti ma ci sono delle norme generali che si possono applicare. Prima di gettare i contenitori in plastica è bene rimuovere i coperchi. Conferire contenitori puliti è buona norma se si vuole garantire un veloce e corretto riciclo. Per i multilaterali, come i sacchetti di carta con parti in plastica, occorre fare maggiore attenzione, magari separare i materiali e capire in quale bidone gettarli. Se in casa c’è poco spazio per i cestini dei rifiuti è bene schiacciare al meglio le scatole di carta o i contenitori in alluminio più ingombrati prima di gettarli. Per evitare il colpo d’occhio, si può scegliere per contenitori riciclati e creativi che fungano da elementi d’arredo.

Leggi anche Quattro suggerimenti strategici per imballaggi riciclabili, personalizzati e tracciabili

Coronavirus, ecco come smaltire i rifiuti domestici

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.