cibi contaminatiSulle tavole degli italiani arrivano cibi contaminati. Sono i peperoncini piccanti provenienti da Repubblica Dominicana e India, le bacche di Goji provenienti dalla Cina e il riso dal Pakistan. La Coldiretti stila una “Black list dei cibi più contaminati” in base ai dati riportati dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) sui residui dei fitosanitari in Europa e dal ministero della Salute sul “Controllo ufficiale sui residui dei prodotti fitosanitari degli alimenti”.

La lista dei cibi contaminati

La lista dei cibi pericolosi è lunga e variegata. Oltre a peperoncini da Repubblica Dominicana e India, bacche di Goji dalla Cina e riso dal Pakistan, bisogna fare attenzione ai melograni dalla Turchia, quasi un campione su dieci (9,1%) è irregolare, e al the dalla Cina. Si aggiungono l’okra importata dall’India (simile a una zucchina), il dragon fruit proveniente dall’Indonesia e i fagioli secchi coltivati in Brasile. Fino ad arrivare ai peperoni dolci e alle olive da tavola provenienti dall’Egitto che, specifica la Coldiretti in una nota stampa, “godono peraltro di un regime agevolato a dazio zero da parte dell’Unione europea”.

Tutti questi agricoltura sono contaminati dalla presenza di insetticidi che “spesso non sono neanche più ammessi dalla legislazione nazionale ed europea”. In base all’alimento si trova l’insetticida specifico. Dicofol, Acephate, Permethrin, Chlorfenapyr, Methamidophos per i peperoncini, Tricyclazole nel riso dal Pakistan, Isoprothiolane negli esotici dragon fruit e Fenpropimorph, Procymidone, Propoxur, Methamidophos nei fagioli secchi brasiliani.

PRODOTTO PAESE % irregolarità PESTICIDI

IRREGOLARI

Peperoncini India, Rep. Dominicana 20% Dicofol, Acephate, Permethrin, Chlorfenapyr, Methamidophos
Bacche di Goji Cina 13% Carbofuran
Riso Pakistan 12,5% Acetamiprid, Tricyclazole
Melograno Turchia 9,1% Prochloraz, Acetamiprid, Cypermethrin, Boscalid
Cina 8,3% Buprofezin, Imidacloprid, Lufenuron
Okra

(lady’s fingers)

India 6,7% Acephate
Pitaya

(dragon fruit)

Indonesia 6,7% Isoprothiolane,

Cypermethrin

Fagioli secchi Brasile 6% Fenpropimorph, Procymidone, Acephate, Propoxur, Methamidophos, Chlorpropham
Peperoni dolci Egitto 3,8% Flusilazole, Clofentezine, Propiconazole, Propiconazole, Chlorpyrifos, Formetanate
Olive da tavola lavorate Egitto 3,7% Profenofos

Fonte: Elaborazione Coldiretti su dati Ministero della Salute ed EFSA

Più pericolosi i cibi coltivati fuori dall’Unione europea

Purtroppo, continua la Coldiretti, i campioni irregolari di prodotti alimentari importati in Italia sono “ben tre volte più pericolosi dei prodotti di origine nazionale per i quali solo lo 0,6% dei prelievi è risultato non conforme ai limiti di legge consentiti”. Nel caso di paesi che non sono tenuti a rispettare le regole dell’Unione europea, “la percentuale di irregolarità secondo l’Efsa sale al’5,8%, ben otto volte superiore ai prodotti Made in Italy”.

L’obbligo di indicare il paese di origine in etichetta aiuterà i consumatori a capire di quali prodotti fidarsi. Questa è prevista per la maggior parte dei prodotti di consumo: dalla frutta alla verdura fresca, dalla pasta al riso, dalle conserve di pomodoro ai prodotti lattiero caseari, dal miele alle uova, dalla carne bovina a quella di pollo fino ai salumi.

Più garanzie con criteri di sicurezza uguali per tutti

Non è uno strumento sufficiente a tutelare il consumatore. Per il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, è necessario “che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri a tutela della sicurezza dei consumatori”. Così che dietro ogni prodotto ci sia la garanzia di un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro.

Leggi anche L’Università di Torino diventa punto di riferimento in Ue per la formazione nel food

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.