Con l’emendamento correttivo al sistema bonus/malus, presentato il 18 dicembre dai relatori della V Commissione al Senato, cambiano le regole dell’Ecotassa. Nella nuova formulazione diverse le novità rispetto al testo approvato alla Camera con cui il Governo dal 2019 incentiverà la diffusione di modelli a basso impatto ambientale, elettrici o ibridi, e tasserà l’acquisto di quelli più inquinanti.

Il sistema prevede un incentivo che sarà basato unicamente sul dato di omologazione relativo alle emissioni di CO2 e, salvo modifiche da qui ai prossimi anni, sarà attivo da marzo 2019 fino al 31 dicembre 2021.

Il bonus

Il bonus è previsto per chi acquista un veicolo che non costa più di 45.000 euro IVA esclusa. Nello specifico, per le auto con emissioni tra 0 e 20 g/km di CO2 (in questa fascia rientrano solo le elettriche) sarà erogato un incentivo di 6.000 euro se si rottama un modello omologato Euro 0, 1, 2, 3 o 4 o di 4.000 se non c’è riconsegna del veicolo. Per le auto con livelli di CO2 tra 21-70 g/km (qui rientrano le elettriche e le ibride) è previsto un contributo di 2.500 euro in caso di rottamazione o, in caso contrario, di 1.500 euro.

BONUS ALL’ACQUISTO PREVISTO DA MARZO 2019 A 31 DICEMBRE 2021

Rottamazione Euro 0-4 Senza rottamazione
Auto emissioni 0-20 g/km CO2

6.000 euro

4.000 euro

Auto emissioni 21-70 g/km CO2

2.500 euro

1.500 euro

Ad essere “penalizzati” i modelli Alfa Romeo o del gruppo FCA, marchi che ancora non si sono pienamente convertiti ai carburanti alterantivi.

Il malus

Il malus è previsto per chi acquista un veicolo che ha un livello di emissioni di CO2 superiore ai 160 g/km. Per la fascia 161-175 g/km si pagherà un extra di 1.100 euro; per la fascia 176-200 g/km di 1.700 euro; per la fascia 201-250 g/km di 2.000 euro; per chi supera i 250 g/km di 2.500 euro.

MALUS ALL’ACQUISTO PREVISTO DA MARZO 2019 A 31 DICEMBRE 2021

Malus

Auto emissioni 161-175 g/km CO2

1.100 euro

Auto emissioni 176-200 g/km CO2

1.700 euro

Auto emissioni 201-250  g/km CO2

2.000 euro

Auto emissioni superiori a 201 g/km CO2

2.500 euro

Il sistema di tassazione colpirà tutti i modelli della Maserati e della Ferrari e la gamma Jeep di FCA. Dell’Alfa Romeo saranno colpite quasi tutti i modelli Giulia, Stelvio e Giulietta; salvi tutti i diesel.

Elenco di alcuni modelli toccati dal bonus

  • Nissan e.NV200 Evalia a partire da € 43.381
  • Toyota Prius Plug-in a partire da € 41.500
  • Volkswagen e-Golf a partire da € 40.100
  • Audi A3 Sportback e-tron a partire da 39.700 euro
  • BMW i3 a partire da € 39.470
  • BMW Serie 2 Active Tourer a partire da 38.400 euro
  • Nissan Leaf, a partire da € 35.671
  • Mitsubishi i-Miev a partire da € 29.410
  • Citroën e-Berlingo a partire da € 33.000
  • Citroën e-Méhari a partire da € 26.693
  • Hyundai Ioniq a partire da € 25.750
  • Peugeot iOn a partire da € 27.596
  • Volkswagen e-Up!, a partire da € 27.000
  • Renault Zoe, a partire da € 25.000 (batterie a noleggio escluse)
  • Smart Fortwo/Cabrio EV a partire da € 24.200
  • Smart Forfour EV a partire da € 24.600

Elenco di alcuni modelli toccati dal malus

  • ALFA ROMEO GIULIETTA
  • CITROEN SPACE TOURER
  • DACIA DOKKER DACIA DUSTER
  • FIAT TIPO FIAT DOBLO FIAT DUCATO PAN
  • FORD C-MAX FORD FOCUS FORD KUGA FORD MONDEO
  • HONDA CIVIC HONDA CR-V
  • HYUNDAI I30 HYUNDAI TUCSON KIA SORENTO KIA SPORTAGE KIA STINGER
  • MINI COUNTRYMAN
  • MITSUBISHI PAJERO NISSAN
  • JUKE NISSAN X-TRAIL
  • OPEL CORSA OPEL INSIGNIA OPEL MOKKA OPEL ZAFIRA
  • RENAULT KOLEOS RENAULT MEGANE
  • SSANGYONG KORANDO SSANGYONG REXTON SSANGYONG RODIUS SSANGYONG TIVOLI SSANGYONG XLV
  • SUBARU BRZ SUBARU FORESTER SUBARU LEVORG SUBARU OUTBACK SUBARU WRX
  • SUZUKI JIMNY TOYOTA GT86 TOYOTA LAND CRUISER TOYOTA YARIS

Detrazioni per la posa delle colonnine

Le novità previste dal Senato riguardano anche uno sgravio per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica per i mezzi elettrici nel triennio 2019-2021. Su una spesa di massimo 3.000 euro, in cui rientrano i costi iniziali per la richiesta di una potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW, è prevista una detrazione fino al 50% in 10 tranche l’anno. Questo supporto sarà alimentato dalle risorse recuperate con la tassa applicata sui veicoli più inquinanti (il malus).

Incentivo per motocicli elettrici o ibridi

Chi acquista un motociclo elettrico o ibrido L1e e L3e, con potenza inferiore o uguale a 11 kW, riceverà un incentivo pari al 30% del prezzo di acquisto del valore di massimo 3.000 euro. In caso di rottamazione di mezzi Euro 0-2 le risorse ulteriori arriveranno dalle aste CO2.

Sistema di monitoraggio al MISE

Un sistema di monitoraggio permanente al Ministero dello Sviluppo economico. E’ quanto decide la proposta di modifica.

Critiche e migliorie

Critiche e proposte hanno contornato l’arrivo della nuova formulazione dell’Ecotassa. In una nota congiunta Unrae, Federauto e Anfia hanno definito l’Ecotassa “socialmente iniqua, poiché richiede ad un’ampia fascia di cittadini un importante sforzo economico per finanziare l’acquisto di pochi veicoli”.

“Nonostante la retromarcia, anche la nuova formulazione dell’ecotassa continua a penalizzare l’industria italiana dell’auto”, ha affermato Rocco Palombella, Segretario generale della Uilm“E’ controproducente varare oggi una misura così delicata senza tener conto della carenza infrastrutturale del Paese e dei costi ancora troppo alti per l’acquisto di automobili elettriche – ha proseguito il Segretario generale – Di fatto, con i nuovi limiti fissati verrebbero penalizzati i consumatori e le produzioni locali, mentre verrebbero incentivate le produzioni straniere”.

Edo Ronchi, ex Ministro dell’Ambiente, autore del Decreto Ronchi e oggi alla guida della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile avanza una proposta: il bonus fino a 6.000 euro per mezzi elettrici destinati al trasporto pubblico e condiviso, taxi inclusi, e per bici a pedalata assistita.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.