Grano E1523261956450Entro il 2019 il pastificio biologico Girolomoni avrà un impianto di molitura all’avanguardia di sua proprietà. Il molino, realizzato dall’azienda Ocrim di Cremona, sarà direttamente collegato alla sua sede, che si trova a Isola del Piano (PU) sulle colline marchigiane. Con questo progetto, da oltre 3 milioni di euro di cui sono appena iniziati i lavori di costruzione, la cooperativa diventa il primo pastificio a ‘chiudere la filiera’ dal seme al piatto, controllando la lavorazione del grano in ogni fase, dalla coltivazione alla raccolta, dalla pulitura alla macinazione. Grazie alla realizzazione del molino si potrà valorizzare il grano dei 200 agricoltori soci della cooperativa, che è soggetta a controlli di qualità dagli enti certificatori e mantiene un rapporto diretto con le aziende agricole fornitrici. 

Una scelta strategica

Si tratta per noi di una scelta strategica molto importante – spiega in una nota Giovanni Girolomoni, Presidente della Gino Girolomoni Cooperativa Agricola – quello di avere un nostro molino è sempre stato uno dei sogni di mio padre Gino, ma fino a pochi anni fa non potevamo realizzarlo perché mancavano i numeri per garantirne l’efficienza. Adesso siamo pronti per il grande salto di qualità”.

Caratteristiche del molino

L’impianto di cui si doterà il pastificio è il più piccolo molino industriale a cilindri che si possa costruire. Il macchinario ha una potenzialità di 100 tonnellate al giorno e 20.000 tonnellate all’anno (calcolate su 200 giorni di produzione). “E’ il doppio del fabbisogno attuale, ma vogliamo investire nel futuro – sottolinea Giovanni Girolomoni – abbiamo in previsione anche l’installazione di una nuova linea per la lavorazione della pasta corta, che ci porterà a raddoppiare l’attuale produzione. Inoltre verrà ampliata la capacità di stoccaggio delle materie prime.” Grazie al molino verrà prodotta una semola integrale di alta qualità, mantenendo, oltre alla crusca, anche il germe di grano.

Un edificio a basso impatto ambientale

Il molino sarà realizzando cercando di ridurre al minimo l’impatto ambientale. Sarà dotato di un ascensore in vetro con vista su San Marino, di pannelli fotovoltaici sul tetto. Inoltre al suo interno verrà costruito anche un mulino a pietra che verrà impiegato per alcune farine e semole speciali.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.